Cerca
Close this search box.
A Void Hope Review- The Perfect Platformer For A Rainy Day

Recensione di A Void Hope – Il platform perfetto per una giornata di pioggia

Tempo di lettura: 4 minuti
A Void Hope Review- The Perfect Platformer For A Rainy Day

Quando ho letto l’anteprima di A Void Hope, avevo grandi speranze per quello che sarebbe successo alla sfortunata coppia Keegan e Gilda. Il loro mondo inizia a sgretolarsi per mano di un virus sconosciuto che induce amnesia, e ti vengono lasciate pochissime informazioni su cosa fare dopo. Come consigliato dagli sviluppatori, ho deciso di finire l’intero gioco in un’unica seduta di quattro ore.

Non so se sia stata l’atmosfera piovosa fuori dalla finestra del mio ufficio o la cupa realtà del mondo di Keegan e Gilda, ma la musica ambientale cattura perfettamente l’inquietante incertezza della sopravvivenza in una città apocalittica. C’è una speranza, per quanto flebile, a patto che tu riesca ad andare avanti. I ricordi giocano un ruolo importante nello svelare il passato e la loro ricerca ti permetterà di raccogliere ulteriori informazioni su ciò che è necessario per creare una cura. I dati bloccati all’interno dei computer possono essere sbloccati solo attraverso un minigioco enigmatico, che è stato al tempo stesso stimolante e ripetitivo.

Assicurati di trovare i computer del caveau. Non te ne pentirai.

A Void Hope Preview Keegan in a building

Gilda ti incoraggerà a trovare le cose più importanti per la cura, come sbloccare i computer o trovare il laboratorio dei ricercatori. Keegan, invece, si concentrerà sul raggiungimento di Gilda e sul recupero dei ricordi del suo rapporto con la moglie, mentre tu setaccerai attentamente ogni livello alla ricerca di nuove stanze e percorsi, evitando per un soffio i vuoti negli spazi stretti e usando l’ingegno per sbloccare l’area successiva.

Entrambi i personaggi hanno lo stesso inventario, quindi non c’è bisogno di tornare indietro o di lottare nell’ultima parte del gioco senza gli strumenti che ti hanno permesso di superare la prima volta.

Gli Empties, persone che hanno perso completamente la loro identità a causa del virus, si trasformano improvvisamente e non sai mai se rimarranno umanoidi o se si trasformeranno in bestie urlanti che ti daranno la caccia. Non sai quando e dove appariranno, rendendo ogni persona sullo sfondo una potenziale minaccia. È ancora più snervante quando gli altri personaggi dello sfondo ti indicano e urlano come banshee. I nemici si evolvono man mano che ti avvicini alla ricerca di una cura, spingendoti a muoverti più velocemente o a tornare indietro all’ultima area per evitarli.

In A Void Hope viene spiegato molto poco, ma questo incoraggia la tua mente a vagare. Tutto ciò che devi sapere è che vuoi salvare la tua famiglia e questo ti spinge a trovare una cura a tutti i costi. I ricercatori non sono ancora riusciti a trovare una cura, quindi Keegan e Gilda potrebbero avere la chiave per la salvezza della città.

Ogni livello mette in evidenza la lotta di Keegan e Gilda per costruirsi una casa contro le probabilità. Ho cercato i ricordi di Keegan e Gilda e il loro desiderio di avere una famiglia in mezzo al caos del virus li ha resi profondamente affettuosi. Scorci della loro vita prima dell’epidemia virale rivelano i loro obiettivi per una vita al di là delle rovine della città, mentre i ricordi di quando Keegan è stato infettato mostrano la dualità tra speranza e realtà. Entrambi i personaggi hanno l’opportunità di condividere il loro lato, consentendoti di interpretare come questo influisca sul quadro generale.

A Void Hope Gilda in the forest

È facile perdersi in ogni livello, anche se sei libero di tornare indietro in qualsiasi momento per cercare gli obiettivi mancanti e le aree sbloccabili. Sono tornato indietro numerose volte per esplorare completamente la città e sbloccare altri livelli che altrimenti avrei completamente perso.

A Void Hope non è perfetto, soprattutto perché la mancanza di spiegazioni si ripercuote sul mistero narrativo in una frustrante vaghezza sul compito e sugli strumenti a disposizione. Ma se continui ad andare avanti e a cercare gli oggetti che ti colpiscono, alla fine riuscirai a trovare la strada.

Sebbene Keegan e Gilda siano per lo più silenziosi, i loro ricordi hanno una certa profondità. Tuttavia, la natura della narrazione interpretativa toglie spazio ai momenti in cui i due personaggi potrebbero interagire di più, poiché il dialogo sembra girare intorno all’argomento a favore del tono inquietante e del mistero del virus.

Mi sarebbe piaciuto vedere più ricordi e approfondimenti sul virus, sugli Empties e sul background dei nostri protagonisti. Conoscere i personaggi e il mondo sono cose che attendo con ansia e A Void Hope mi lascia la voglia di saperne di più sullo strano fenomeno e sulle anomalie che ne derivano.

La parte migliore di questo gioco, tuttavia, è che non ti perderai molto quando lo avrai completato. Sei libero di esplorare a tuo piacimento, anche se sarai guidato alla conclusione in un modo o nell’altro. Il modo in cui la interpreterai dipende da quanto hai imparato su Gilda e Keegan e da quanta fiducia hai nel loro rapporto. È una breve storia agrodolce di amore, devozione e speranza.

A Void Hope Tag Page Cover Art

A Void Hope è un gioco di puzzle-platform con uno splendido stile pixel art, sviluppato da Elden Pixels per Nintendo Switch e PC. Intreccia una storia cupa in cui una coppia deve confrontarsi con la realtà in una città crollata.

Pubblicato il 29 febbraio 2024

Genere(i ) Avventura , Puzzle , Platformer

ESRB Tutti 10 // Violenza lieve

 

Pro

Narrazione breve e contenuta

Meccaniche facili da comprendere

Vale la pena di rigiocare i livelli per completare tutti gli obiettivi

Contro

Poco o nulla spiegato su come usare gli oggetti

Gli enigmi del computer di sicurezza possono essere ripetitivi e frustranti

Le trasformazioni improvvise dei nemici possono ucciderti rapidamente, facendoti retrocedere di qualche area

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti