Cerca
Close this search box.

Perché il futuro del gaming è user generated

Tempo di lettura: 3 minuti

Sean van Zyl, conosciuto come Garuga123, ha sempre amato i dinosauri. Da quando sapeva pronunciare brachiosauro a quando arreda la sua stanza con un elegante cuscino di Jurassic Park. Sono sempre stati un pilastro della sua vita, tanto che quando andava a scuola voleva studiare per diventare biologo o paleontologo.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Tuttavia, non ha mai intrapreso questi percorsi di carriera perché ha trovato un’altra cosa altrettanto coinvolgente: Zbrush. Un insegnante di Photoshop al liceo gli ha permesso di inviare modelli 3D invece dei soliti compiti. Non passò molto tempo prima che diventasse uno dei suoi hobby preferiti, portandolo a diventare l’affermato modder che è oggi.

“Il modding mi permette di mescolare il mio amore per i dinosauri e per i videogiochi”, ha detto Garuga. “Non lavoro a queste mod a tempo pieno, ma è l’obiettivo che mi prefiggo se riesco a realizzarlo”

Sebbene il modding sia ancora qualcosa di secondario, per un gran numero di modder è tutt’altro che un hobby. È una professione e una fonte primaria di reddito. Nel 2023, Roblox, Fortnite e Overwolf insieme hanno pagato oltre 1 miliardo di dollari ai creatori. Overwolf – che include la nostra piattaforma CurseForge che Garuga utilizza per distribuire e monetizzare la maggior parte dei suoi progetti – da sola ha pagato oltre 201 milioni di dollari ai creatori nel 2023.

Le mod non sono più una piccola parte dell’industria dei giochi gestita per passione, ma sono una delle attrazioni principali e continueranno a crescere. Prendi ARK: Survival Ascended. Questa selvaggia avventura di sopravvivenza con i dinosauri è stata lanciata meno di tre mesi fa e ci sono già oltre 1.000 mod in circolazione e 60 milioni di download.

I modder sono sempre stati un punto fermo nell’industria dei videogiochi. Hanno sempre sostenuto le comunità che amano trovando il modo di migliorare i giochi a cui dedicano tanto tempo, fornendo un ciclo di vita non vincolato ai grandi studi di videogiochi che fa sì che i giocatori tornino sempre più spesso. Sono una parte essenziale del processo di sviluppo dei giochi.

“Quando ho iniziato mi sono reso conto che, soprattutto per quanto riguarda le funzioni di qualità della vita, avevo un occhio di riguardo per ciò di cui le persone avevano bisogno”, ha dichiarato il modder di lunga data Arco Dielhof, che nel gioco si fa chiamare Tex. “Sono stato in grado di determinare molto rapidamente i punti problematici in quanto sono stato un beta tester per diversi anni presso vari studi”

Dielhof si è guadagnato da vivere trovando modi per migliorare i giochi che i giocatori amano. Ha costruito mappe di gioco che guidano i giocatori verso oggetti e tesori in Diablo IV, Baldur’s Gate 3 e altri giochi importanti del 2023. Cerca attivamente di migliorare le esperienze dei giocatori in modi piccoli ma significativi.

Sebbene i modder siano sempre stati un punto fermo, raramente sono stati ricompensati per il loro lavoro. Questo va bene per i modder che vogliono semplicemente dare un contributo alla comunità di gioco che amano e supportano, ma offrire un percorso per celebrare e ricompensare i modder per il loro contributo all’industria è fondamentale.

“Non devo preoccuparmi di arrivare a fine mese con le piattaforme di modding, come CurseForge”, ha detto Dielhof. “A un certo punto stavo guadagnando troppo come singolo e ho dovuto fondare la mia azienda. Ora pago anche diversi freelance”

Modding2.jpeg

La maggior parte dei modder svolge questo tipo di lavoro a tempo parziale, ma molti di loro farebbero il salto se fosse possibile. Questo tipo di salto sta diventando sempre più possibile ogni giorno che passa, con la crescita dell’industria dei videogiochi e della scena del modding.

Sean Philip van Zyl, ad esempio, negli ultimi cinque anni ha lavorato a tempo pieno come professore aggiunto di media digitali presso un’università, ma la sua passione è creare esperienze di gioco per i giocatori. Ha fatto crescere la sua comunità, che attualmente conta più di 10.000 membri su Discord, e ha ottenuto ulteriori finanziamenti tramite Patreon. Con i soldi ricavati dalla progettazione di dinosauri, è riuscito a frequentare meno corsi.

“Il tipo di mod su cui lavoro richiede mesi di lavoro per essere realizzato al meglio”, ha detto. “Ci sono mod che possono essere realizzate in un giorno, ma altre che possono cambiare totalmente il modo in cui si vive un gioco. Quelle, soprattutto se moderate, valgono un prezzo”

Le comunità di modding hanno tradizionalmente prosperato grazie alla passione e al tempo libero di individui dedicati. Ma ora l’industria dei giochi si trova in un nuovo punto di inflessione UGC ed è ancora più evidente che la forte crescita del gioco sarà in gran parte guidata dalle comunità di creatori. È ora che l’industria dei giochi abbracci pienamente questa nuova era, riconoscendo che non solo porta a contenuti migliori per i giocatori, ma favorisce anche un impegno più profondo per gli studi di gioco.

Leggi di più su www.gamedeveloper.com

Potrebbero interessarti