La Overwatch League di Blizzard è stata fondata nel 2016 e da allora è stata un punto di riferimento nell’arena dei giochi competitivi, trasmettendo i suoi tornei su Twitch e altri servizi in tutto il mondo. Tuttavia, in questo momento, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta indagando su questa lega. Il motivo? Un controllo agli stipendi dei giocatori.

L’indagine avviata dal Dipartimento di Giustizia, e guidata dalla Civil Conduct Task Force, sta esaminando il “salary cap” di Blizzard per le squadre. L’indagine mira a punire attivamente le organizzazioni che pagano stipendi superiori a 1,6 milioni di dollari, poiché le squadre che superano tale importo devono pagare una “tassa di lusso”.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta ora indagando sui limiti salariali di Blizzard e si chiede se questi potrebbero violare in qualche modo la legge. Finora Blizzard sta collaborando dopo aver ricevuto l’avviso dell’indagine e ha incaricato i dirigenti del team di assicurarsi di non distruggere alcuna informazione relativa agli stipendi dei giocatori.

Sebbene il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti indaghi sulla Overwatch League, l’indagine è considerata non criminale. Se si scopre che Overwatch League e Activision Blizzard stanno violando la legge, potrebbe rappresentare un grosso problema per l’azienda, dopo che gli stipendi sono stati divulgati dai dipendenti Blizzard alla fine dello scorso anno nel tentativo di aumentare gli stipendi.

Fonte: Kotaku

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi