Le nuovissime schede grafiche Ampere di Nvidia, appartenenti alla serie RTX 3000, sono andate immediatamente a ruba non appena immesse sul mercato e, tutt’ora, i negozi e i principali rivenditori online continuano ad essere senza stock.

Molti sostengono che queste GPU siano introvabili a causa di chi le acquista in massa, legalmente o tramite i classici bot, per organizzare il mining di criptovalute, un processo che richiede parecchie GPU potenti.

Sarà questo il caso? A quanto pare no, secondo quanto sostenuto dal CFO di Nvidia, Colette Kress, in una conference call con gli investitori.

Secondo quanto sostenuto da Kress, l’offerta di GPU RTX 3000 sarebbe stata inferiore dall’elevata domanda, a prescindere dalla diffusione del fenomeno di mining.

Il nostro trimestre gaming, per esempio, sarebbe stato probabilmente lo stesso con o senza cripto, perché siamo limitati nella produzione. Quindi continueremo a monitorare. Crediamo che il nostro prodotto CMP ci permetterà di avere maggior chiarezza nel comprendere la portata del cripto.“.

Nvidia è ben consapevole della richiesta di GPU pensate specificatamente per il mining, ma è altrettanto consapevole che non tutti sono interessati a quel mondo e vogliono solo sfruttare una GPU potente per il gaming PC.

Ecco perché, in futuro, verranno lanciati sul mercato dei prodotti con questi scopi precisi. Ad esempio, la nuovissima RTX 3060 è stata studiata esclusivamente per il gaming e dispone di un blocco che ne impedisce l’uso per il mining di criptovalute.

Purtroppo, il problema alla base resta: come sostenuto da Kress e com’è noto da diverso tempo, la pandemia da coronavirus ha rallentato enormemente le fabbriche e le catene produttive, specialmente per quei prodotti elettronici e informatici, composti da molti componenti, ognuno di essi creato in aziende diverse.

Non a caso, chi ha sofferto di questi rallentamenti sono state proprio le console next-gen PS5 e Xbox Series X/S, oltre alle sopracitate GPU, sia di Nvidia che di AMD.

geforce_rtx_3080_4_960

Riuscirà Nvidia a soddisfare l’enorme domanda di GPU in tempi brevi? Oppure bisognerà aspettare ancora parecchio tempo, prima che il mercato possa disporre di schede grafiche a sufficienza ed evitare l’insorgere di scalper e bagarini?

Fonte: GameSpot

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi