Cerca
Close this search box.
No Rest for the Wicked is a cruel and beautiful action game

No Rest for the Wicked è un gioco d’azione crudele e bellissimo

Tempo di lettura: 4 minuti
No Rest for the Wicked is a cruel and beautiful action game

 

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games
A beautiful vista in No Rest for the Wicked.
No Rest for the Wicked ha molte carte in regola. Il gioco d’azione in arrivo mi ha già affascinato con il suo spiccato senso dello stile. C’è solo una cosa che deve ancora conquistarmi: il suo gameplay a volte crudele.

Presentato per la prima volta dall’editore Private Division ai The Game Awards 2023, No Rest for the Wicked è molto diverso da ciò che lo studio ha realizzato in precedenza. (Il gioco ha trascorso sei anni di sviluppo presso Moon Studios, lo sviluppatore di Ori and the Blind Forest, che ha subito denunce per cattiva condotta) Questo gioco d’azione isometrico influenzato da The Legend of Zelda e Dark Souls sfoggia uno stile artistico pittorico che non assomiglia a nessun altro gioco a cui ho giocato prima, e questo piccolo assaggio del suo mondo fantasy ha offerto una storia intrigante, ma non travolgente.

Anche se No Rest for the Wicked non mi ha convinto del tutto sul fronte del gameplay durante i 90 minuti di gioco iniziale che ho giocato prima dello show di Wicked Inside di oggi, è sicuramente un titolo da tenere d’occhio per gli appassionati di giochi d’azione intensi quest’anno.

Esercitati nelle parate

Ho avuto solo un piccolo assaggio della narrazione di No Rest for the Wickedattraverso le cutscene di apertura e di chiusura della demo, ma mi hanno conquistato. Si tratta di un gioco fantasy ambientato in un mondo in cui un nuovo re è salito al trono mentre il mondo è devastato da una piaga chiamata Grande Pestilenza. I giocatori sono un guerriero santo chiamato Cerim, inviato nel continente di Sacra per sconfiggere la peste come parte di un’inquisizione coloniale.

Si tratta di una premessa accattivante, che non si lascia impantanare da una storia confusa e che è sostenuta dallo splendido stile artistico di No Rest for the Wicked. Le proporzioni dei personaggi sono poco realistiche, ma consentono di ottenere disegni più audaci e inquadrature efficaci nei momenti più narrativi. La scelta di colori vivaci e la fotografia delle scene tagliate sono di altissimo livello, in linea con la bellezza dei giochi di Ori. Questo look unico si riflette anche nel gioco, che si svolge da una prospettiva isometrica in cui il mondo ha una forma leggermente curva.

Come minimo, quando il gioco uscirà, vorrò guardare le scene tagliate di No Rest for the Wicked. Per quanto riguarda il gameplay, invece, sto ancora cercando di capire come muovermi. Il gioco è iniziato con il mio Cerim che si lavava a riva su una spiaggia tetra, un’apertura che mi sembra un po’ un cliché dei giochi d’azione. Poi mi è stato chiesto di raggiungere la città di Sacrament. Da lì, ho trovato lentamente armature e armi e ho affrontato alcune minacce corrotte, trovando alla fine il mio feeling con le armi singole piuttosto che con le lame a doppio braccio. Ci sono anche un sacco di statistiche RPG da migliorare a ogni livello, quindi gli appassionati di questo tipo di gioco avranno molto su cui affondare i denti.

Early game combat in No Rest for the Wicked.
Il combattimento in No Rest for the Wicked non è appariscente o veloce come quello di Diablo o Path of Exile; si sente invece l’influenza di FromSoftware. Non si tratta di un vero e proprio Souls, perché i giocatori non perdono risorse quando muoiono e i nemici non ricompaiono dopo che i giocatori sono guariti a un certo punto. Tuttavia, il mondo interconnesso e la natura metodica del combattimento richiamano quel genere. La parata è fondamentale per ottenere buoni risultati in No Rest for the Wicked, e mi ci sono voluti diversi combattimenti per capirlo.

Bloccare non è altrettanto efficace e Warrick the Torn, l’enorme boss che ha concluso la demo, era debole agli attacchi con parata. Non è così efficace come in giochi come Sekiro: Shadows Die Twice o Prince of Persia: The Lost Crown a causa della prospettiva isometrica, ma è comunque fondamentale per l’esperienza di combattimento come in quei giochi. Purtroppo non è stato piacevole ogni volta che ho sbagliato le parate. Le armature e le armi si degradano lentamente dopo ogni morte, fino a rompersi se si muore abbastanza. Gli oggetti che ripristinano la salute devono essere creati e non si ricaricano alla morte e No Rest for the Wicked non può essere messo completamente in pausa a causa dei suoi elementi online.

Anche se alla fine ho trovato un fabbro in grado di ripristinare questi oggetti con le risorse, non sono un fan dei giochi che puniscono i giocatori per i loro fallimenti piuttosto che dare loro gli strumenti e la motivazione per imparare e migliorare attraverso i sistemi di gioco. Da questo punto di vista, No Rest for the Wicked mi sembra crudele. Sebbene ciò possa essere in linea con alcuni aspetti del suo tema narrativo, ha limitato il mio gradimento della demo.

Combat in No Rest for the Wicked.

In tutta onestà, si trattava di uno spaccato iniziale di No Rest for the Wicked e questo è spesso uno degli aspetti più fastidiosi dei giochi impegnativi, perché i giocatori non hanno ancora imparato a padroneggiare le complessità del combattimento, né dispongono di risorse abbondanti per rendere la morte meno pungente. Inoltre, non ho avuto la possibilità di provare il multiplayer, che Moon Studios e Private Division pubblicizzano come una delle caratteristiche principali e che avrebbe potuto aiutarmi maggiormente nei primi combattimenti.

Non sono ancora sicuro che No Rest for the Wicked sia il gioco che fa per me, ma posso sicuramente capire che ci sarà un pubblico a cui piacerà. Tuttavia, la sua intrigante storia e il suo stile artistico dovranno probabilmente fare la parte del leone perché io veda finalmente la luce durante questa avventura.

No Rest for the Wicked è in sviluppo per PC, PlayStation 5 e Xbox Series X/S.

Leggi di più su www.digitaltrends.com

Potrebbero interessarti