Nintendo Switch Pro è ultimamente finita sulla bocca di tutti, in tantissime discussioni: sulla presunta evoluzione di Switch, che si dice Nintendo possa lanciare tra quest’anno e il prossimo, continuano a rincorrersi diverse voci, che si sommano al chiacchiericcio già presente in rete. Le ultime, in ordine di tempo, provengono da presunte “fonti verificate”, emerse su ResetEra e rimbalzate su Reddit, che sarebbero molto vicine alla casa di Kyoto: secondo queste ultime, Switch Pro sarebbe più di una semplice revisione della console ibrida di Nintendo, e punterebbe a raggiungere una risoluzione 4K servendosi del DLSS 2.0, ovvero la seconda versione del Deep Learning Supersampling, la tecnologia proprietaria di NVIDIA che è già stata capace di compiere veri e propri miracoli su PC.

Nintendo Switch Pro

A parlare sono stati gli insider noti come “Z0m3le” e “NatetheHate”, vicini al canale Modern Vintage Gamer, i quali hanno affermato di essere a conoscenza di alcuni piani sullo sviluppo del successore di Switch, dati praticamente per certi. Secondo i leaker in questione, Switch Pro avrebbe un “range” di potenza computazionale compreso tra un minimo e un massimo, riferiti probabilmente alle due modalità d’uso della console. In modalità portable, l’hardware sarebbe in grado di superare di poco una PS4 mantenendo la risoluzione nativa, con la possibilità di andare oltre le capacità di una Xbox One X grazie al DLSS; in modalità docked, invece, Switch Pro sarebbe poco sotto a una Xbox Series S, ma potrebbe spingersi quasi ai livelli di una PlayStation 5 sfruttando il DLSS.

In pratica, la tecnologia di NVIDIA consentirebbe l’attivazione di un terzo profilo di rendering, del quale la console potrebbe beneficiare sia quando viene utilizzata in modalità portatile che quando connessa a una sorgente video, come una TV o un monitor. La risoluzione di partenza, in entrambi i casi, non sarebbe chiara: inizialmente i leaker avevano parlato di un 1440p nativo in modalità docked (cosa che confermerebbe il paragone con Series S), ma hanno poi smentito la cosa, affermando loro stessi di voler investigare maggiormente sulla questione. L’esistenza di un’ipotetica Switch Pro, chiamata scherzosamente Super Nintendo Switch sui forum con riferimento allo SNES, confermerebbe la partnership tra Nintendo e NVIDIA: quest’ultima, infatti, aveva già contribuito allo sviluppo della console originaria con il chip Tegra X1.

Stando a quanto emerso, in ogni caso, Switch Pro sarebbe un vero e proprio “update mid-gen” e non una semplice revisione con qualche orpello tecnologico in più, come accaduto, per esempio, durante le generazioni del DS e del 3DS. È bene ricordare che, per il momento, Nintendo – per bocca del suo presidente, Shuntaro Furukawa – non ha confermato di avere in sviluppo alcuna nuova console, ma potrebbe trattarsi anche di dichiarazioni volte a cercare di depistare i leaker e confondere il mercato, per poi piazzare quella che sarebbe una vera e propria bomba per fine anno. E voi, credete a Nintendo Switch Pro o pensate che manchi ancora molto prima di vedere un effettivo successore di Switch? Come al solito, fatecelo sapere nello spazio dedicato ai commenti.

In attesa del sequel, che si rumoreggia possa arrivare sul mercato  proprio con Switch Pro, su Amazon Italia potete recuperare The Legend of Zelda: Breath of the Wild.

[…]

Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi