Cerca
Close this search box.
Nightingale screenshot - man with a rifle standing in front of a magical portal

Nightingale è partito alla grande, ma ha anche una valutazione “nella media” su Steam, e ancora una volta la colpa è da attribuire a problemi di server

Tempo di lettura: 3 minuti
Nightingale screenshot - man with a rifle standing in front of a magical portal

Nightingale, il gioco di sopravvivenza ambientato in epoca vittoriana, è stato lanciato ieri e, dopo un’intera giornata di pubblicazione su Steam, si trova ora a dover fare i conti con una valutazione degli utenti non proprio eccellente: “mista”. Le ragioni delle lamentele sono varie, ma la colpa principale sembra essere quella che ormai conosciamo tutti: i server.

Le frustrazioni di Nightingale sono esacerbate dalla necessità di essere connessi per giocare, anche se si gioca da soli. Molte recensioni di utenti su Steam sono in realtà positive sul gioco nel suo complesso, ma gli danno comunque un pollice in giù a causa dei problemi dei server.

“Mi piace davvero molto di questo gioco, ma sta diventando negativo per un problema enorme”, ha scritto un utente di Steam. “Essere sempre online, anche quando si gioca da soli, è un’assurdità assoluta. Non c’è motivo per cui un gioco come questo debba essere sempre online. Il tutto è aggravato dal fatto che i server sono attualmente un fuoco di paglia”

“Non c’è assolutamente bisogno che un gioco di crafting di sopravvivenza sia solo online”, ha scritto un altro utente. “Ancora una volta siamo tutti in balia della stabilità dei server e dell’impossibilità di mettere in pausa…”. Fantastico. Perché mai scrivere ‘gioca da solo o in cooperazione’ o ‘da solo o con amici’? È fuorviante al punto che posso solo pensare che sia intenzionale”

Nightingale è partito piuttosto bene: Secondo le classifiche di Steam, sono poco più di 37.000 le persone che stanno giocando in questo momento e il picco attuale di giocatori è di oltre 47.500 unità. Non è neanche lontanamente paragonabile all’esasperante e impossibile accesso a Helldivers 2, ma non è troppo lontana dall’altro grande gioco di sopravvivenza del momento, Enshrouded, che è stato lanciato in accesso anticipato a gennaio e attualmente conta circa 46.000 giocatori.

Si tratta di una buona notizia per lo sviluppatore Inflexion Games, ma la tenuta di questi numeri nei prossimi giorni e settimane dipenderà molto dalla rapidità con cui lo studio riuscirà a risolvere i problemi del server di Nightingale e a offrire ai giocatori un’esperienza stabile e senza intoppi. Mi viene in mente l’ovvio esempio di Payday 3, che ha subito un lancio disastroso dovuto in parte alla necessità di una connessione online anche per giocare in solitaria: Il gioco non ha ancora una modalità offline (anche se lo sviluppatore Starbreeze ha annunciato che prima o poi ne arriverà una) e il numero di giocatori contemporanei è ormai a tre cifre.

I problemi di server non sono certo un problema raro per i giochi di questi tempi, soprattutto quando vengono lanciati per la prima volta, e non lo sono nemmeno le reazioni dei giocatori insoddisfatti. Payday 3 è l’esempio più evidente di come tutto vada male nel peggiore dei modi, ma anche i giochi di successo possono soffrirne. Helldivers 2 ne è un esempio lampante. Come Nightingale, ha una valutazione degli utenti “mista” su Steam, soprattutto perché i server non riescono a gestire il carico, ma è anche tremendamente popolare: In ogni momento ci sono centinaia di migliaia di persone che ci giocano.

Per quanto riguarda l’eventuale arrivo di una modalità offline per Nightingale, al momento sembra un po’ azzardato. Il mondo condiviso di Nightingale è essenzialmente una serie di “Regni” e portali a cui i giocatori accedono utilizzando le Realm Cards, il tutto ospitato sui server di Inflexion. Il CEO di Inflexion, Aaryn Flynn, ha ammesso la possibilità di una modalità offline in una recente intervista con Screen Rant, se gli sviluppatori riusciranno a capire come farla funzionare.

“Quando abbiamo progettato il backend sempre online, era al servizio della visione di poter esplorare sempre nuovi regni e non sapevamo come farlo senza un server che ci aiutasse a gestire tutti i dati e il resto”, ha detto Flynn. “Ma se possiamo farlo per chi vuole giocare solo in solitaria, sono molto disponibile”

All’inizio della giornata, Inflexion ha completato un ciclo di manutenzione dei server per Nightingale e ha distribuito un hotfix che affronta un trio di problemi:

Dovrebbe essere risolta la maggior parte dei casi di errore “Esaurimento della memoria della GPU” sulle schede grafiche che superano le specifiche minimeI giocatori dovrebbero essere in grado di riassegnare gli input ai tasti freccia, potresti ricevere un avviso per riassegnare i controlli della telecamera che sono vincolati ai tasti freccia per impostazione predefinitaPremere Tab I insieme non dovrebbe più far crashare il gioco

Per il momento, se hai problemi di ping elevato in Nightingale o di connessione a server regionali inadeguati, puoi trovare consigli su cosa fare nella pagina di supporto di Inflexion.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti