Poche città al mondo possono rivaleggiare con il fascino cosmopolita ed elegante di Londra. La capitale del regno di Sua Maestà si è costruita un’identità in cui storia millenaria e modernità trovano una felice sinergia, in cui si inseriscono tradizioni secolari e nuovi influssi di altre culture. Una vitalità palpabile che consente di incontrare diversi scorci che lasciano la sensazione di passare in mondi diversi, una suggestione che si rivive perfettamente in Nessundove, romanzo datato 1996 di Neil Gaiman, che Mondadori ripropone ora in un’edizione che rende onore al meglio all’opera del romanziere inglese.

sandman neil gaiman

Universalmente noto per American Gods, Sandman, Good Omens e altri grandi romanzi, Gaiman iniziò la sua carriera di scrittore proprio con Nessundove, una storia che come racconta nell’introduzione della nuova edizione il romanziere stesso, nasce da un progetto parallelo. La genesi di Nessundove, infatti, è legata a una serie televisiva della BBC, per cui Gaiman era stato ingaggiato come sceneggiatore, ma in cui fu costretto a  conciliare la sua verve narrativa con le esigenze della produzione seriale, una condizione che portò a cambiare alcuni passaggi della storia originaria, che mal si conciliava con la visione di Gaiman stesso.

Nessundove: la versione preferita dall’autore

Durante la produzione dello show della BBC Gaiman continuava a notare delle dissonanze tra le puntate della serie e il suo modo di intendere la storia, un contrasto che lo spinse a cercare un modo per fare emergere pienamente la trama che aveva immaginato:

“Mi scontravo in continuazione con il fatto che quanto vedevo sullo schermo non corrispondesse a quello che avevo in mente. Un romanzo mi sembrò il modo miglior per far sì che la mia idea passasse direttamente nella testa dei lettori. I libri sono un ottimo strumento per questo scopo”

Detto fatto, Gaiman si mise subito all’opera, e Nessundove fece la sua apparizione nelle librerie lo stesso anno in cui uscì la tanto vituperata serie televisiva. Ma ancora mancava qualcosa, e Gaiman, cogliendo l’occasione di un’edizione anche in territorio americano, scelse di rimettere mano alla sua opera, adeguandola al gusto dei lettori d’oltreoceano. Una prima revisione, se vogliamo, studiata per accogliere nella sua Londra anche coloro che non hanno familiarità con la capitale inglese, vero e proprio personaggio di questa affascinante avventura.

nessundove 2

Perché è Londra, o meglio, sono le due anime di Londra a essere teatro di una storia che unisce horror, azione, emozione e poesia. Se normalmente siamo portati a vedere la City e i monumenti della città inglese come la sua faccia più nota, in realtà esiste un’altra Londra, nascosta sotto le fondamenta della grande metropoli trafficata, in cui si muove una società che ha ben poco a che spartire con il nostro mondo. Una Londra parallela, in cui convivono mostri ed eroi, antichi personaggi del…

[…]

Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi