Microsoft Mesh è una nuova piattaforma di realtà mista basata su Azure che consente alle persone in luoghi fisici diversi di condividere insieme esperienze olografiche.

Questo è stato il sogno della realtà mista, l’idea fin dall’inizio“, ha detto il tecnico di Microsoft Alex Kipman. “Puoi davvero sentirti come se fossi nello stesso posto con qualcuno che condivide contenuti o puoi teletrasportarti da diversi dispositivi di realtà mista ed essere presente con le persone anche quando non si è fisicamente insieme“. Microsoft Mesh è stato presentato durante il keynote di Ignite 2021, con Kipman che è apparso per primo in un’esperienza subacquea, seguito da molti altri ambienti.

Sul palco della conferenza Ignite, Niantic ha anche mostrato come potrebbe essere l’esperienza di Pokémon Go abilitata a Microsoft Mesh su HoloLens 2. John Hanke, CEO di Niantic, è stato in grado di passeggiare in un parco e dare da mangiare a Pikachu prima di incontrare un collega, che lo ha sfidato a una battaglia.

Fortunatamente, Microsoft è un po’ più realistica riguardo alle sfide che gli sviluppatori devono affrontare per portare la realtà mista alle masse: rappresentare le persone con il realismo appropriato richiede molto tempo e risorse, mantenere un ologramma stabile in uno spazio condiviso nel tempo e nei tipi di dispositivo è un problema non banale, è difficile portare modelli 3D ad alta fedeltà per supportare i formati di file dei nostri clienti e sincronizzare le azioni e le espressioni delle persone in una sessione geograficamente distribuita è complesso. Ad ogni modo Microsoft spera che questi ostacoli vengano risolti in futuro. Di seguito potete dare uno sguardo al video che mostra il potenziale di questo strumento.

È possibile accedere a Microsoft Mesh su HoloLens 2, su molti visori VR, telefoni, tablet e PC, fornendo una finestra sulla piattaforma futuristica anche per gli utenti desktop. Il software è ora disponibile in anteprima su HoloLens 2 insieme alla sua integrazione con AltspaceVR.

Fonte: Engadget

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi