Non è una bella notizia vero? C’è chi di console vive e i collezionisti di alto livello lo sanno sicuramente meglio di tutti. Ma purtroppo ci sono tantissime persone che ancora non riescono a capire quanto può essere importante per un videogiocatore avere una collezione di cimeli che gli possano ricordare i bei momenti passati con i videogiochi! Le mamme in effetti sono il pericolo numero uno per le collezioni, soprattutto se non possiamo tenerle sott’occhio. È il caso di dirlo ad un residente dello stato di New York che da un giorno all’altro si è ritrovato con migliaia di dollari persi proprio a causa di un gesto non propriamente voluto da parte della madre.

Secondo quanto scritto su Twitter dallo stesso ragazzo, il malcapitato utilizzava la casa dei genitori come piccolo sgabuzzino per tenere tutte quelle cose che non ha potuto portare con se. Attualmente lavora ad un negozio di videogiochi e negli anni aveva conservato tantissimi cimeli soprattutto retrogames. Secondo quanto scritto su twitter, come potete vedere anche dal tweet che vi linkiamo nella notizia, quasi 500 mila dollari di materiale sono andati perduti.

Oggi ho scoperto che ha buttato via i miei Atari, Coleco, Intelli, Famicom, S Famicom, TGfx, PCE, NG AES, MegaDrive, Master System, praticamente ogni sistema e gioco che non ho mai portato con me“. Ovviamente ci sarebbero tante discussioni da fare sull’argomento, e soprattutto vi raccomandiamo di parlare di quanto possa valere la vostra collezione di videogiochi con chi vi è intorno.

Per quanto possa far ridere una notizia di questo tipo, è molto importante per un collezionista portare con se le proprie memorie e soprattutto avere una base da dove poter partire anche nei momenti di difficoltà. Collezioni di un certo tipo e di un alto valore si costruiscono nel tempo e vederle sprecate cosi è davvero un peccato. Voi avete una vostra piccola collezione di cui andate fieri?

Se avete bisogno di credito per il PSN, potete trovarlo qui insieme all’abbonamento di un mese



[…]Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi