Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
An NPC from Mask of the Rose regards the player with a coy smile.

Lo studio Fallen London dice che il suo ultimo gioco “non ha venduto particolarmente bene”, ma non preoccupatevi: è stato abbastanza giudizioso con i suoi soldi da evitare i licenziamenti: “Abbiamo avuto anni migliori, ma anche molto peggiori”

Tempo di lettura: 3 minuti
An NPC from Mask of the Rose regards the player with a coy smile.

il 2023 e, sfortunatamente, il 2024 sono stati anni terribili per i licenziamenti nel settore, con un numero così sbalorditivo e di routine che è necessario mettere su un grafico la perdita di 16.000 persone (e in aumento) di talenti lavorativi per avere una prospettiva corretta.

Alcuni potrebbero attribuire la colpa di tutto ciò alle scosse di assestamento della bolla tecnologica post-Covida, ma è difficile non additare anche le pratiche di sovra-assunzione sconsiderate o, come ha detto con passione il creatore di Dwarf Fortress Tarn Adams all’inizio di questa settimana, le decisioni “guidate da persone avide, avide, avide che cercano di far funzionare una sorta di venture capital”

Ad ogni modo, ieri è arrivata una buona notizia da Failbetter games (dal nome appropriato): sì, il loro ultimo gioco non ha venduto così bene e sì, stanno andando bene. Come annunciato in un discorso sullo stato dello studio, “abbiamo avuto anni migliori, ma anche molto peggiori”

Failbetter è nota soprattutto per Fallen London, un browser RPG vecchia scuola che ha mantenuto un seguito di culto per oltre un decennio, oltre che per giochi come Sunless Sea. La sua ultima impresa, una visual novel gotica chiamata Mask of the Rose, è arrivata l’anno scorso e, secondo Joshua Wolens di PC Gamer, era piuttosto buona, ottenendo un 78 nella sua recensione di Mask of the Rose. Purtroppo, però, pochi sembrano averci giocato.

Questa non è solo una mia speculazione, ma viene direttamente dalla bocca del cavallo (imperscrutabile, cupo e probabilmente con una bombetta in un vicolo piovoso da qualche parte): “Non ha venduto particolarmente bene”, si legge nel post. “Non ci aspettiamo di recuperare i soldi spesi per svilupparlo. Eppure, ce la stiamo cavando bene”

Failbetter deve il mancato crollo dell’infrastruttura basata sulle carte all’aver evitato le sciocchezze legate all’espansione dopo il successo di Sunless Skies nel 2019. “In quella situazione, l’aspettativa al giorno d’oggi è quella di assumere in modo aggressivo. Forse, soprattutto nel settore tecnologico, essere redditizi non è considerato sufficiente. Una buona azienda è quella che ha un piano per aumentare notevolmente il valore dell’attività, preferibilmente almeno dieci volte. Alcune aziende corrono molti rischi in questo senso”

Tuttavia, come osserva lo studio: “Abbiamo deciso di concentrarci sulla sostenibilità” Il post delinea quella che considera una causa comune di disastro per gli studios, ovvero un ciclo di produzione di anni in cui “… il più delle volte non si può essere sicuri di come andrà. Noi facciamo giochi insoliti, quindi questo vale anche per noi”

Failbetter ha invece messo da parte i soldi guadagnati per un giorno di pioggia. “Abbiamo deciso che un obiettivo fondamentale per noi sarebbe stato quello di poter permetterci, in caso di scarse vendite di uno dei nostri giochi, di realizzare il prossimo senza fare nulla di drastico. Non vogliamo essere costretti a licenziare i membri del nostro team o a ricorrere a investimenti esterni”

Questo non vuol dire che lo studio non abbia dovuto fare dei sacrifici: ad esempio, Mask of the Rose non arriverà presto su Xbox o PlayStation e lo studio ha fatto notare che “preferiamo concentrarci sul nostro progetto non ancora annunciato: è a un punto in cui il tempo extra dei programmatori sarebbe davvero utile”

Per quanto riguarda questo progetto, probabilmente avrà un periodo di accesso anticipato e la pre-produzione sarà completata “in pochi mesi”. Failbetter promette un gioco “più delicato di quello che i giocatori si aspettano da noi… Troverete la stessa attenzione alla narrazione, all’atmosfera e al mistero che vi aspettate da noi, ma questa volta non impazzirete e non mangerete il vostro equipaggio”

Anche se questo potrebbe essere una delusione per la nascente comunità dei “cannibali per i giochi”, sono felice di vedere che Failbetter è stata abbastanza assennata da superare un fallimento sfortunato come Mask of the Rose senza implodere. Questo tipo di crescita calma e sostenibile sembra sicuramente un modo migliore di fare le cose, anche se i nostri sistemi attuali sono allergici all’idea di mantenere le cose comode e umili.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti