Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
Lightyear Frontier - a players stands in a farm plot of berries near a red mech

Lightyear Frontier mette a proprio agio i mech con il suo approccio poco stressante all’ambientalismo in pianeti alieni

Tempo di lettura: 5 minuti
Lightyear Frontier - a players stands in a farm plot of berries near a red mech

Non appena ho visto il primo trailer di Lightyear Frontier ho deciso di amare il gioco di colonizzazione di mech su un pianeta alieno. Dopo aver giocato la demo allo Steam Next Fest di questa settimana e aver parlato con il CEO di Frame Break, Joakim Kopriva Hedström, non ho cambiato idea. Ma è emerso che non si tratta dell’ossessione per la simulazione di fattoria che ruba settimane e che mi aspettavo. Al contrario, ho trovato una lista di cose da fare in un mondo aperto, ben oliata e accessibile, che potrebbe piacere tanto ai giocatori di simulatori di lavoro quanto ai miei soliti amici coltivatori.

(Image credit: Frame Break)

Lightyear Frontier inizia quando atterro su un pianeta e, con un assistente robotico all’orecchio che mi guida, recupero la mia enorme tuta mech. Camminare nella mia gigantesca macchina rossa è subito divertente: mi giro per tagliare gli alberi con il mio braccio a sega e uso il mio cannone a forma di gatling per far schizzare nuovi alberelli nella terra. L’ambientazione in colori primari lucidi mi fa venire in mente i giochi dell’infanzia (in senso positivo) e la colonna sonora sbarazzina a base di synth e chitarra acustica mi ha fatto canticchiare nel giro di un minuto.

Subito dopo aver preso confidenza con il mio multiutensile pilotabile, sto allestendo una base operativa con una tenda, un falò, un baule di stoccaggio e dei campi da coltivare. Nonostante il suono, questo non è un gioco di sopravvivenza. Non devo preoccuparmi di sfamare me stesso, ma solo la fauna locale.

Lightyear Frontier si definisce una “pacifica avventura agricola a mondo aperto”, il che significa che costruisco dispositivi per trasformare le risorse in materiali, miglioro le capacità di raccolta del mio mech ed esploro la mappa (disegnata a mano, non generata) per rivitalizzare i biomi che sono stati invasi da una misteriosa sostanza viola.

Non sprecare spazio

L’aspetto dell’ambientalismo è ciò che mi ha inizialmente attirato in Lightyear Frontier. Per quanto ami i giochi di simulazione agricola e di crafting, entrambi tendono a incoraggiare il dominio. In Stardew Valley ho abbattuto un’intera proprietà di alberi e l’ho sostituita con costose coltivazioni di frutta, mentre i giochi di crafting mi invitano a costruire tentacolari monumenti di legno all’industria e all’ego.

Pochi secondi prima di dare da mangiare all’uccello alieno gigante, senza attaccarlo. (Crediti immagine: Frame Break)

Per quanto questi giochi possano essere edificanti, Hedström mi dice che Frame Break voleva un altro tipo di messaggio positivo in Lightyear Frontier, che non incentivasse lo sfruttamento. “Vuoi avere un’armonia con la natura”, dice. “Stai trovando questo nuovo fantastico pianeta e non vuoi distruggerlo; vuoi diventare parte di esso”

Uno dei miei primi obiettivi è trovare la vicina area di Pine Heights, un bioma brullo e scosceso privo di vita, e ripristinarlo riempiendo il serbatoio d’acqua del mio mech e usando il braccio di un tubo per l’irrigazione per spazzare via le aree di melma viola sul terreno. Lavare la sporcizia con una percentuale di completamento in alto è probabilmente la parte principale che mi ha fatto pensare a job sims, lo ammetto.

Stai trovando un nuovo fantastico pianeta e non vuoi distruggerlo, ma diventare parte di esso.

CEO di Frame Break, Joakim Kopriva Hedström

Dopo aver individuato tutte le macchie incriminate e aver raggiunto il 100% di ripristino, nell’area cresce l’erba dove prima era arida e spuntano nuove foglie di alberi. Ora posso trovare cristalli di alluminio e rossi da estrarre e utilizzare per nuove costruzioni. Tornano anche gli animali: alcuni adorabili e orribili “ratscallion” con i loro nasi carnosi a proboscide e le zampe bipedi che aspettano che io crei del cibo da offrire loro. Mi avvicino a qualche “coniglio” selvatico (cavolo rosso alieno, a quanto pare) che aspiro con il mio raccoglitore a vuoto e che riporto a casa per piantarlo nei miei orti.

Questo ciclo di feedback non è sempre stato così naturale, dice Hedström. All’inizio dello sviluppo, Lightyear Frontier era più punitivo, con un punteggio ecologico e altre misure volte a mostrare ai giocatori il loro impatto, un sistema che Hedström descrive come “prenditi cura della natura o accadranno cose brutte” A quanto pare, questo sistema era molto più stressante che divertente per i giocatori. Invece, Lightyear Frontier si concentra sul feedback positivo: “se fai cose buone, ti accadranno cose buone”

(Image credit: Frame Break)

A differenza di molti giochi di agricoltura simulata, gli alberi non ricrescono da soli, ad esempio, il che fa parte dell’etica del “fai del bene per il tuo bene”. “I giocatori iniziano naturalmente a piantare questi boschetti di alberi nelle vicinanze invece di doversi avventurare molto più lontano”, spiega Hedström.

Lo sento già nella demo, quando inizio a segare un boschetto di alberi vicino al quale mi sono accampato nell’area del prato. Quando mi accorgo che stanno diminuendo, estraggo il mio cannone a germogli e sparo alcuni nuovi semi nel terreno vicino. Si tratta di una gratificazione molto più immediata rispetto a qualsiasi progetto di riforestazione reale, ma come avrai capito dai mech, Lightyear Frontier non si impegna a essere realistico.

Quando si tratta di progettare la mia fattoria, il sistema di costruzione non è particolarmente approfondito. Utilizza strutture prefabbricate come il fienile e la fattoria, non blocchi di costruzione individuali con cui giocare. Invece sblocco decorazioni e altri macchinari per personalizzare l’esterno della mia fattoria interplanetaria. Non posso ancora riportare gli animali a vivere nella mia fattoria, ma questo aspetto è in programma per l’accesso anticipato, conferma Hedström.

Lightyear Frontier - from third person a player in a mech places the blueprint for a barn in a meadow
(Image credit: Frame Break)

Più avanti nel gioco, ci sono altri biomi alieni da ripristinare e una storia in cui dovrai “decifrare gli indizi disseminati nei vari ambienti del pianeta e scoprire conoscenze perdute”, si legge sulla pagina del negozio di Lightyear Frontier. Questa storia è accennata da una misteriosa porta di metallo che si illumina quando finisco di restaurare Pine Heights.

Lightyear Frontier mi sembra un gioco che utilizza un tocco leggero su molti sistemi che altri giochi di agricoltura, crafting o sopravvivenza affrontano in profondità. La costruzione è piuttosto elementare, come descritto, c’è una semplice schermata “economica” che mostra le probabili variazioni di prezzo delle singole risorse che posso vendere, il meteo e i pericoli occasionali e l’agricoltura, ma senza il passaggio delle stagioni. Tutto questo è molto poco impegnativo e mi fa pensare che sarà un gioco ideale per il Game Pass, soprattutto se al lancio ci sarà la modalità cooperativa per quattro giocatori.

La demo di Lightyear Frontier è attualmente disponibile su Steam come parte del Next Fest fino al 12 febbraio. Verrà lanciata in accesso anticipato il 19 marzo e sarà inclusa nel Game Pass.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti