Keanu Reeves non amava il genere action e non aveva nessuna intenzione di recitare in Speed, come ricorda il regista Jan De Bont.

Il regista di Speed, Jan De Bont, ha svelato il motivo per cui Keanu Reeves non voleva recitare in una delle pellicole che lo hanno reso una star: a quanto pare il divo canadese “aveva paura” del ruolo.

Sandra Bullock in Speed con Keanu Reeves

Sandra Bullock in Speed con Keanu Reeves

“Keanu sperava che gli venissero offerti più ruoli drammatici, ma il suo manager lo ha convinto ad accettare Speed” ha svelato Jan De Bont a Vulture. “Lui odiava l’azione e odiava gli stunts! Aveva paura. All’epoca era un attore promettente con aspirazioni di fare teatro drammatico”.

Il regista ricorda: “Ce l’ho messa tutta a convincerlo a fare le cose che volevo che facesse. Ma poco prima della fine delle riprese ha cominciato a divertirsi perché gli ho mostrato il girato e lui ha detto ‘Oh mio Dio, adesso è tutto diverso. Non è un semplice stunt, le persone possono vedere la mia faccia. Sono io mentre tutte queste cose mi succedono intorno.’ E da lì ha cominciato a sciogliersi.”

All’inizio della sua carriera, Keanu Reeves era piuttosto diffidente nei confronti delle scene d’azione. Secondo Jan De Bont, “brontolava sempre quando le doveva girare. Mi diceva ‘Non sono una action star, non mi piace, non so come farlo.’ Questo era quello che mi era piaciuto di lui all’inizio, non aveva niente a che fare con quegli eroi d’azione sempre entusiasti. Volevo un attore che fosse in grado di interpretare una persona catapultata in una situazione che non è affatto normale per lui. E volevo vedere la sua risposta a livello fisico e mentale di fronte a questo evento inatteso.”

Leggi di più su: movieplayer.it

Rispondi