Cerca
Close this search box.

Il più grande concorrente di Final Fantasy 7 Rebirth come gioco meglio recensito del 2024 è Balatro, un deck builder roguelike apprezzatissimo durante la Steam Next Fest

Tempo di lettura: 2 minuti

Fino alle ottime valutazioni di Final Fantasy 7 Rebirth, il gioco meglio recensito del 2024 è stato Balatro, un gioco di poker roguelike con deck building che sembra aver conquistato lo Steam Next Fest.

La demo di Balatro allo Steam Next Fest si è rivelata uno dei grandi successi dell’evento, prendendo le regole di base del poker e stravolgendole. L’idea di base è che ti vengono distribuite delle carte e devi costruire delle mani di poker: un full, una scala, una coppia e così via. Ogni mano ha un particolare payout in punti e moltiplicatori e ti fa guadagnare fiches che ti servono per battere determinati punteggi.

Naturalmente, il colpo di scena è rappresentato dalle carte speciali che puoi usare per modificare il tuo mazzo, migliorando i tuoi moltiplicatori e dandoti dei bonus speciali per il tuo punteggio. Come in ogni buon roguelike, ti ritroverai rapidamente a lavorare su una teoria di costruzione e a ridere quando tutto si realizza, oppure a disperarti quando elementi casuali mettono fine ai tuoi piani perfettamente studiati.

È un concetto semplice, facile da capire, e i turni fulminei e le selezioni dei potenziamenti rendono Balatro una passeggiata da giocare. È stata la formula perfetta per il successo dello Steam Next Fest e sembra che la versione completa sia altrettanto coinvolgente. Su OpenCritic, Balatro ha un punteggio medio di 92 punti. Si tratta di una lode da gioco dell’anno, gente.

Fino a stamattina, Balatro era il gioco con il punteggio più alto del 2024, il che non è niente di strano se si considerano le lodi riservate a titoli come Tekken 8, Like a Dragon: Infinite Wealth e Prince of Persia: The Lost Crown. Ora, il punteggio di Final Fantasy 7 Rebirth su OpenCritic si è attestato a 93, un solo punto avanti a Balatro.

Mettere Balatro a confronto con FF7 Rebirth è un po’ un confronto “mele contro biciclette”: un gioco indie di un designer anonimo e per lo più solitario contro un JRPG AAA con quasi tre decenni di anticipazioni alle spalle. Ma è proprio questo che rende l’accoglienza di Balatro così notevole. Sembra che questo sia un gioco indie destinato a rimanere al di sopra della massa per un po’ di tempo a venire.

Dai un’occhiata alla nostra intervista che esplora l‘entusiasmo di Balatro, i suoi ingegnosi colpi di scena sul Poker e il suo misterioso creatore.

Leggi di più su www.gamesradar.com

Potrebbero interessarti