Cerca
Close this search box.

Il director di Stellar Blade parla del numero di costumi, del gameplay flow e di altro ancora

Tempo di lettura: 3 minuti

Il CEO di SHIFT UP e il director di Stellar Blade, Kim Hyung Tae, hanno condiviso nuove informazioni sul gioco di ruolo d’azione esclusivo per PlayStation 5 in una nuova intervista con Famitsu, compresi i dettagli sul flusso del gioco e sul numero di costumi.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Scopri i dettagli qui sotto.

Per quanto riguarda la scelta della piattaforma

Kim Hyung Tae, CEO di SHIFT UP e direttore di Stellar Blade: “Sentivo di voler rilasciare un gioco di alta qualità su un’unica piattaforma. Per questo motivo, quando si è trattato di decidere quale piattaforma utilizzare, ho deciso che PlayStation 5 avrebbe offerto un’esperienza di gioco ottimale”

Dongi Lee, Direttore tecnico: “Utilizzando il caricamento veloce dell’SSD e i trigger adattivi del DualSense, puntiamo ad aumentare il senso di immersione del giocatore”

Kim: “Amavo i videogiochi anche prima della nascita della PlayStation, ma all’epoca non avevo molti soldi… È stato solo con il lancio della PlayStation che ho iniziato a giocare davvero. Quindi la PlayStation ha avuto un ruolo importante nel formare i miei valori personali sui giochi”
Riguardo alle influenze di NieR: Automata

Kim: “Sì. NieR: Automata è stata una grande forza trainante per me che ho lavorato a questo progetto. Mi ha fatto capire ancora una volta che volevo fare un gioco come Stellar Blade.

“Inoltre, come fan, God of War è il mio gioco preferito. Mi ha insegnato che si può vivere un mondo vasto senza essere completamente open-world.

“Ho tratto ispirazione anche da molti altri titoli come Bayonetta, Sekiro: Shadows Die Twice e Star Wars Jedi: Fallen Order

Per quanto riguarda l’azione

Kim: “Per quanto riguarda l’azione, siamo partiti dall’idea che ‘vogliamo esprimere tutto ciò che un personaggio femminile può fare brandendo una spada’ Vogliamo anche renderla divertente con movimenti veloci e appariscenti. Ma non volevamo battaglie unilaterali in cui il giocatore si limitava a sparare abilità, quindi abbiamo creato un equilibrio in cui i movimenti del nemico devono essere valutati attentamente.

“All’inizio userai soprattutto le combo per sconfiggere i nemici. Ma con l’avanzare del gioco, appariranno altre meccaniche di gioco, come la risposta agli attacchi nemici con azioni come la parata perfetta o l’evasione perfetta.

“Nell’ultima parte introduciamo interazioni organiche in cui il giocatore combatte utilizzando le abilità e l’energia acquisite fino a quel momento. Quindi penso che sia un tipo di gioco d’azione con un forte senso di divertimento strategico.

“Inoltre, ci sono azioni piacevoli ed esilaranti, oltre ad azioni originali che differiscono per ogni mostro che il giocatore può sperimentare”

Per quanto riguarda il flusso di gioco

Kim: “Vari fattori contribuiranno allo sviluppo del protagonista. Alcune sezioni del gioco si svolgono in modo lineare, ma una volta che si incontrano villaggi abitati da persone, ci si sente come in un mondo semi-aperto, che permette di muoversi liberamente in una certa misura.

“Oltre a questo, il gioco procede di nuovo con un gameplay lineare, per poi passare a un’altra parte di mondo semi-aperto e così via. Il tutto avviene senza soluzione di continuità, quindi non ci sono interruzioni innaturali nella tua esperienza di gioco”

Kim ha anche confermato che non si tratta di un gioco a tappe e Lee ha confermato che si tratta di un gioco a giocatore singolo.

Per quanto riguarda il design dei personaggi

Kim: “Ho puntato a un’evoluzione che riflettesse lo stile di design che ho costruito finora, pur non discostandomi troppo dalla visione del mondo di Stellar Blade. Volevo anche creare intenzionalmente un senso di disagio facendo sentire Eve, un personaggio che arriva in un mondo post-apocalittico, un po’ fuori posto”

Per quanto riguarda la visione del mondo

Kim: “È un futuro lontano in cui il concetto di ‘anni’ in cui viviamo ora è andato perduto da tempo. Questo non vuol dire che tutte le tracce del passato siano completamente scomparse, ma piuttosto che il mondo è culturalmente connesso”

Per quanto riguarda i costumi di Eve

Kim: “Man mano che progredisci nel gioco, puoi ottenere materiali o documenti di design per i costumi. Ci sono anche costumi che possono essere acquistati nel villaggio e che permettono a Eve di acquisire e cambiare una serie di abiti diversi.

“I costumi non hanno un legame stretto con la storia, ma sono stati inseriti come elemento che mira a far risaltare il fascino del personaggio. Eve ha circa 20-30 costumi. Come per Eve, sono in preparazione anche i costumi per i suoi compagni Adam e Lily. Ci sono anche alcuni costumi rari, quindi spero che i giocatori li attendano con ansia”

Stellar Blade uscirà per PlayStation 5 il 26 aprile. Se te lo sei perso, guarda l’ultimo trailer qui.

Leggi di più su www.gematsu.com

Potrebbero interessarti