Cerca
Close this search box.
Archimonde, a boss from World of Warcraft

I famigerati Torswats, gli swatter a pagamento, sono stati probabilmente arrestati dopo che un investigatore privato ha collaborato con uno streamer di WoW su Twitch e con l’FBI

Tempo di lettura: 3 minuti
Archimonde, a boss from World of Warcraft

Scuole, streamer e persino autori sono stati vittime di Torswats, il servizio di swattering a pagamento, come rivelato da Motherboard nell’aprile dello scorso anno. Utilizzando l’app di messaggistica Telegram, il “servizio” Torswats ha offerto swatting in cambio di denaro – 75 dollari per chiudere una scuola, ad esempio – ed è stato collegato a una serie di attività criminali in tutti gli Stati Uniti.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Nel caso in cui non ti sia familiare, “swatting” è un termine usato per descrivere le false segnalazioni fatte alla polizia. Questa pratica non solo fa perdere fondi e tempo, ma sconvolge anche la vita delle vittime, portando a perquisizioni traumatizzanti nelle loro case. In alcuni casi, quando queste false chiamate vengono gestite male dalle forze dell’ordine, lo swatting può essere fatale.

Per il momento, sembra che Torswats – un adolescente californiano ora estradato in Florida – sia stato arrestato grazie al lavoro dell’investigatore privato Brad Dennis (Cafrozed) e dell’FBI. Secondo quanto riportato da Wired, Dennis “dava la caccia a Torswats da quasi due anni”.

Un’importante scoperta sarebbe arrivata grazie alla collaborazione di Dennis con gli streamer di Twitch. Lo streamer di World of Warcraft Matt Morse(StaySafeTV su Twitch) ha utilizzato i servizi di Caforzed dopo essere stato vittima di uno swatting: “Dopo essere stato tirato fuori da casa mia, con moglie e figlio neonato all’interno, per affrontare un gruppo armato di agenti della SWAT che mi puntavano contro le armi da fuoco, è sconcertante constatare che il nostro sistema giudiziario apparentemente attribuisce una priorità molto bassa alla cattura degli swattatori” Dennis ha poi ritwittato il post di Morse, confermando il suo coinvolgimento.

(Immagine: @StaySafeWarlock su Twitter/X.)

Durante uno streaming, Morse afferma di essere stato in grado di fornire informazioni a Dennis dopo aver riconosciuto i “modi di digitare” del presunto criminale da una comunità di server privati. “Ci sono alcune cose che questa persona stava dicendo che mi hanno fatto pensare: “Eh, conosco un tizio che scrive su un server privato”: Conoscevo un ragazzo che diceva cose del genere cinque anni fa su un server privato… se quel ragazzo non mi avesse colpito, probabilmente ora non sarebbe in prigione”

Dennis ha anche utilizzato un servizio chiamato Vox per fingere di noleggiare i servizi di Torswat, come si legge nel rapporto di Wired: “Registrando il suo traffico di rete, l’investigatore ha catturato di nascosto l’indirizzo IP dello swatter insieme a un nome utente che all’epoca era sconosciuto alle forze dell’ordine” Ha poi condiviso questi dettagli con l’FBI, che li ha utilizzati nelle citazioni in giudizio durante le sue indagini.

Anche l’autore di fantascienza Patrick S. Tomlinson ha ringraziato Dennis su Twitter, scrivendo: “La mia famiglia è stata terrorizzata da questo sociopatico e dai cultisti che lo pagano per quasi due anni. 46 chiamate di spionaggio a casa nostra, tre ai miei genitori anziani e una mezza dozzina di minacce di bomba in diversi stati a nostro nome. Non potremo mai ringraziarvi abbastanza”

La Contea di Seminole ha poi confermato che l’adolescente è detenuto senza alcuna garanzia. Il suo esatto coinvolgimento con Torswats – se fosse un singolo individuo o parte di un gruppo più ampio – è ancora da determinare. Wired riporta già che qualcuno che utilizza l’account di Torswats ha contattato e dichiarato: “Sono abbastanza sicuro che non sarò mai arrestato”. Tuttavia, in un incidente di alto profilo come questo, la possibilità che dei sosia cerchino di mettere zizzania è alta.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti