Nella giornata di oggi, la casa di sviluppo Ninja Theory ha condiviso un nuovo video in supporto alla settimana della Mental Health Awareness.

In essa, hanno svelato che i ricercatori dell’Università della Florida, hanno utilizzato Hellblade Senua’s Sacrifice, uno dei loro ultimi progetti, per uno studio dedicato a combattere lo stigma sulla salute mentale.

Lo studio è stato condotto lo scorso anno e vedeva due gruppi di partecipanti: uno di loro avrebbe giocato a Hellblade per 45 minuti, per poi essere sottoposto ad una serie di domande. Il secondo gruppo, invece, avrebbe seguito il gruppo precedente mentre giocava, per poi rispondere alle stesse domande.

Il professore e dottore Nicholas Sellers, ha dichiarato che è stato scelto Senua’s Sacrifice per il modo in cui sono stati rappresentati i problemi mentali dell’eroina Senua:

Si tratta di una delle migliori rappresentazioni di problemi di salute mentale che esistono nel mondo dei videogiochi, quindi è stato facile sceglierlo.“.

Lo scopo dell’Università della Florida, come detto in precedenza, era quello di combattere i pregiudizi che le persone comuni possono avere nei confronti dei soggetti afflitti da problemi mentali e, grazie a Hellblade, pare che qualche risultato sia stato ottenuto.

L’assistente Dr.Arienne Ferchaud ha dichiarato che chi ha provato il titolo ora non prova più lo stesso desiderio di distanziarsi da chi è mentalmente malato. Ovviamente, questi risultati sono stati ottenuti da un campione piuttosto ristretto di persone, ma non di meno, sono risultati incoraggianti.

Ninja Theory ha ottenuto grandi lodi dalla comunità scientifica per il modo in cui sono stati rappresentati i problemi di Senua e, molto probabilmente, lo stesso accadrà con Hellblade 2 Senua’s Saga, anche se non sappiamo moltissimo di quel titolo.

Grandi cose accadono quando i videogiochi si interessano di problemi reali e importanti e li affrontano con intelligenza, non credete anche voi?

Fonte: Videogamer

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi