La star di Harry Potter, Rupert Grint, ha ricordato i tempi delle riprese dei film della saga e la sua ‘cattiva reputazione’ a 19 anni di distanza dall’uscita del primo capitolo.

In occasione del 19esimo anniversario del primo film di Harry Potter, l’interprete di Ron Weasley, Rupert Grint, ha raccontato della cattiva reputazione con cui ha dovuto fare i conti durante le riprese della saga.

Rupert Grint è il simpaticissimo Ron Weasley

Rupert Grint è il simpaticissimo Ron Weasley

In questi giorni di metà novembre, i tantissimi fan di Harry Potter hanno festeggiato l’anniversario del primo film della saga, Harry Potter e la pietra filosofale. Per l’occasione, Tom Felton, che nella celeberrima saga ha interpretato Draco Malfoy, ha organizzato una reunion virtuale con alcuni attori del cast, tra cui anche Rupert Grint, amatissimo interprete di Ron Weasley. Proprio Grint ha approfittato di questo evento online per rivelare che, ai tempi delle riprese dei film, la sua reputazione non era affatto delle migliori, ed ha anche spiegato il motivo di ciò.

Il trio si nasconde nell'insolito orto di Hagrid

Il trio si nasconde nell’insolito orto di Hagrid

Grint ha quindi parlato della sua tendenza a scoppiare a ridere nei momenti più inappropriati, al punto da dover richiedere numerose riprese per finire di filmare una scena. “Ricordo che succedeva sempre durante le scene più inappropriate, come il funerale di Silente che è stato particolarmente brutto ma, per qualche ragione, l’ho trovato assolutamente divertente“, ha raccontato l’attore, aggiungendo: “Una volta che inizi a ridere, è molto difficile smettere. Avevo una reputazione particolarmente negativa. Mi chiamavano ‘Go Again Grint’ proprio perché non riuscivo a finire nessuna scena senza ripeterla 20 volte“. L’attore ha infine ricordato che lui e Daniel Radcliffe hanno dovuto filmare separatamente la scena della carrozza del treno del primo film, perché non potevano stabilire un contatto visivo senza scoppiare a ridere.

Daniel Radcliffe e Rupert Grint in una scena di Harry Potter e la camera dei segreti

Daniel Radcliffe e Rupert Grint in una scena di Harry Potter e la camera dei segreti

Insomma, come è già avvenuto in passato, queste dichiarazioni fanno capire benissimo quale clima regnasse sul set dei film di Harry Potter. In un altro momento della reunion virtuale, Radcliffe ha anticipato che il prossimo anno avranno luogo nuove reunion e numerosi eventi in occasione del 20esimo anniversario del franchise. “Penso che questo evento online rappresenti solo una piccola anteprima della nostalgia in cui ci immergeremo il prossimo anno, quando saranno trascorsi 20 anni dall’uscita del primo film“, ha detto il protagonista assoluto della saga, aggiungendo: “Nel 2021 ricorderemo il primo film in varie forme. Sembra folle che sia passato così tanto tempo“.

Ricordiamo che durante la reunion sono intervenuti anche James e Oliver Phelps (Fred e George Weasley), Evanna Lynch (Luna Lovegood), Mark Williams (Arthur Weasley), Jason Isaacs (Lucius Malfoy), Bonnie Wright (Ginny Weasley) e Alfred Enoch (Dean Thomas).

Leggi di più su: movieplayer.it

Rispondi