Il ritardo di Halo Infinite, annunciato da 343 Industries all’inizio di questo mese, ha sorpreso molti videogiocatori, i quali pensavano di poterlo giocare già al benvenuto della prossima console di Microsoft. Tuttavia, questa decisione non è stata solo il culmine un ciclo di sviluppo turbolento – le cui problematicità sono emerse proprio durante la presentazione del gioco all’evento Xbox Games Showcase – ma potrebbe avere addirittura delle ripercussioni sul lancio di Xbox Series X, previsto per novembre di quest’anno.

Per un gioco del calibro di Halo Infinite, qualunque decisione intrapresa avrà delle conseguenze di vasta portata. Dunque, questo ritardo potrebbe avere delle ripercussioni che non riguardano soltanto il futuro del gioco, ma anche la stessa Xbox Series X. Questo, infatti, potrebbe anche indurci a pensare che Microsoft stia cambiando orientamento di pensiero in vista della prossima generazione. Indubbiamente, molti puntavano a giocare Halo Infinite al lancio di Xbox Series X e ciò potrebbe aver condannato quest’ultima ad un lancio deludente. Inoltre, Xbox Series X non offre al lancio un parco titoli impareggiabile, combinato con un prezzo che probabilmente sarà elevato – e ciò giustificherebbe il silenzio fino ad oggi.

Halo infinite

Per anni, la strategia di Microsoft è risultata controproducente rispetto ai competitor, atteggiamento che si è riflesso anche sulla qualità dei titoli offerti, palesando a volte un atteggiamento eccessivamente orientato al futuro e poco ancorato ai tempi – similmente a quel che abbiamo visto con Google Stadia. Per questi motivi, il ritardo di Halo Infinite potrebbe essere interpretato come la peggiore decisione intrapresa dal punto di vista aziendale, ma anche come la migliore decisione possibile per garantire che il titolo di 343 Industries risulti il miglior gioco pensato per Xbox Series X. Dare la priorità ai titoli, piuttosto che alla console stessa, infatti, potrebbe essere il primo grande passo per un cambiamento nella mentalità aziendale. Lo stesso Phil Spencer ha dichiarato di voler fermare questa fatidica console war, poiché le persone dovrebbero prima di tutto contemplare ed ammirare i giochi che vengono creati per queste console, prima della piattaforma stessa.

Effettivamente, è stato proprio questo orientamento che ha determinato il grande successo di Nintendo e Sony, ovvero vendere il proprio hardware sulla base del proprio software. Certamente, i risultati di questo investimento metodologico si ottengono nel tempo e non di certo in tempi immediati. Stiamo a vedere come si comporterà Microsoft anche in futuro, per verificare se effettivamente il rinvio di Halo Infinite è solo una coincidenza o segnala, invece, un cambio di mentalità.

Xbox One ha ancora molto da offrirci. Potete acquistare un ottimo bundle di Xbox One S a buon prezzo su Amazon cliccando qui. Inoltre, aspettando l’uscita di Halo Infinite, potete recuperare l’intera saga con un unico gioco: Halo The Master Chief Collection, disponibile su Amazon a questo indirizzo.

[…]Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi