Ghost of Tsushima, l’acclamato open world di Sucker Punch, celebra oggi, 17 luglio, il proprio anniversario.

Per celebrare quest’importante ricorrenza, gli sviluppatori hanno svelato pubblicamente una serie di statistiche per mostrare i risultati ottenuti dai giocatori all’interno dell’isola giapponese.

Stando a quanto riportato, pare che i samurai di Tsushima abbiano preso parte a 333,1 milioni di duelli uno contro uno, abbiano preso parte ad uno standoff onorevole ben 679,2 milioni di volte, scattato 61 milioni di foto con l’impressionante Photo Mode interna e accarezzato 55,63 milioni di volpi.

Passando invece alla modalità Legends, un add-on multiplayer gratuito aggiunto post-lancio, pare che siano state giocate ben 40,76 milioni di missioni e, in esse, evocato ben 60,1 milioni di cani spirituali.

Decisamente numeri elevati che testimoniano la popolarità di Ghost of Tsushima.

Credete che sia tutto finito qui? Niente affatto. Sucker Punch ha inoltre annunciato il ritorno dei costumi dedicati agli eroi PlayStation per la modalità Legends.

Originalmente degli extra ottenibili solo durante il periodo natalizio, ora reintegrati e pronti per essere agguantati.

Ne esistono quattro, uno per ogni classe e ognuno dedicato ad un personaggio famoso della line-up PlayStation: la skin del Samurai è dedicata a Kratos di God of War, l’Assassino possiede una maschera che ricorda i colossi di Shadow of the Colossus, il Cacciatore può indossare il costume di Aloy in Horizon Zero Dawn e il Ronin veste una skin ispirata a Bloodborne.

Come fare per ottenerli? Vi basterà completare una missione di Legends, Storia o Sopravvivenza e otterrete subito la skin della classe utilizzata. Completate una missione altre tre volte con le altre classi e li avrete tutti.

Ghost of Tsushima avrà anche compiuto un anno, ma il prossimo 20 agosto, su PS4 e PS5, sarà disponibile Ghost of Tsushima Director’s Cut, con nuovi contenuti, extra e, soprattutto, una nuova storia ambientata in un’isola inedita.

Fonte: Twitter

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi