Il regista di Freaks Out, Gabriele Mainetti vorrebbe che uscisse una versione estesa del suo nuovo film: ne ha parlato sul red carpet della Festa del Cinema di Roma 2020.

Venezia 2016: Gabriele Mainetti sul red carpet di Nocturnal Animals

Venezia 2016: Gabriele Mainetti sul red carpet di Nocturnal Animals

Il 16 dicembre uscirà in sala Freaks Out, opera seconda di Gabriele Mainetti a cui sta lavorando da anni e in cui ha investito gli incassi del suo fortunato esordio, Lo chiamavano Jeeg Robot, uscito nel 2015. Per il suo secondo film Mainetti accarezza l’idea di una versione estesa della durata di tre ore.

Freaks Out: una foto dei protagonisti

Freaks Out: una foto dei protagonisti

A cinque anni di distanza il regista è tornato al festival, questa volta per un Incontro Ravvicinato, condotto dal direttore artistico della Festa del Cinema, Antonio Monda, in cui ha parlato dei film che ama di più. A fine masterclass c’è stato tempo anche per mostrare i primi minuti di Freaks Out in anteprima.

Sul red carpet di Roma Gabriele Mainetti ci ha anticipato una cosa molto interessante per i più cinefili: Freaks Out non è ancora uscito, ma il regista sta già pensando alla versione estesa: “Non lo ritoccherò, ma una versione integrale di tre ore spero che prima o poi possa uscire. Mi hanno costretto a ridurlo a un tempo umano, che garantisse più proiezioni. A un certo punto bisogna dire basta: perché se a un regista gli tieni aperto un film non chiude mai.”

Freaks Out è ambientato a Roma durante la Seconda Guerra Mondiale, protagonisti un gruppo di circensi dotati di capacità straordinarie, interpretati da Giorgio Tirabassi, Pietro Castellitto, Claudio Santamaria, Giancarlo Martini e Aurora Giovinazzo.

Leggi di più su: movieplayer.it

Articolo precedenteFar Cry 6 è stato rinviato, ecco a quando
Articolo successivoRun: Sarah Paulson nel trailer dell’horror targato Hulu
Avatar
Gaming & Nerd Neutrality. Absolutegamer è un collettivo di fighissimi mediamente asociali con una certa passione per il gaming unita alla cultura nerd snobbissima tipica dei genxer. Nerd neutrality è una espressione completamente inventata che potrebbe stare a indicare il giusto equilibrio tra le anime pop e più raffinate della cultura nerd e geek come vengono percepite da chi le ha viste letteralmente nascere, oppure assolutamente niente ma suona veramente bene.

Rispondi