A un trio di giocatori competitivi di Fortnite è stata vietata l’opportunità di partecipare alla competizione FNCS, dopo che uno dei giocatori ha detto a Donald Mustard, Chief Creative Officer di Epic Games, di “uccidersi“.

La squadra si era qualificata per le finali della FNCS nella regione NA East, ed era pronta a competere questo fine settimana, ma tutto è stato interrotto a causa dei commenti fatti da uno dei giocatori, “Wrigley“.

In squadra con Dictate e Userz, Wrigley ha inviato un Tweet diretto al Chief Creative Officer di Epic Games, Donald Mustard. Da allora l’account Twitter di Wrigley è stato cancellato.

Il 14 marzo, il compagno di squadra di Wrigley ha rivelato di essere stato squalificato, condividendo l’email che ha ricevuto da Epic Games.

La notifica afferma: “Ti scriviamo per informarti della squalifica e della rimozione della tua squadra dalla competizione FNCS con effetto immediato. Sulla base di un’indagine interna, un membro della tua squadra ha violato la Sezione 8.1.2 delle regole ufficiali.”

wrigley_tweet

La regola specifica in questione stabilisce che “i giocatori devono essere rispettosi degli altri giocatori, amministratori di eventi, spettatori e sponsor“.

Significa che gli sforzi del team per qualificarsi per le finali sono stati inutili, tutto a causa di un tweet piuttosto sconsiderato di uno dei loro compagni di squadra. Significa anche che il trio perde il premio in denaro garantito che avrebbe guadagnato, anche se si fosse piazzato ultimo.

Alcuni fan hanno simpatizzato con Dictate e Userz, che sono stati puniti per le azioni del loro compagni di squadra.

Fonte: Dexerto.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi