Dopo lunga attesa, con l’inizio di ottobre, abbiamo finalmente potuto interpretare la parte di Wolverine all’interno di Fortnite Stagione 4. Abbiamo dovuto trovare e uccidere l’eroe Marvel, per poterne indossare la skin e per utilizzarne l’emote dedicata. Purtroppo, c’è un grosso problema: questa emote cancella i vostri oggetti, fate attenzione!

Fortnite wolverine

Fortnite | Emote cancella oggetti

Prima che possiate pensare che si tratta solo di un rumor di Reddit, vi confermiamo che è un problema riconosciuto da Epic Games stessa. Lo sviluppatore, tramite l’account ufficiale Fortnite Status su Twitter, ha segnalato la questione. L’emote di Wolverine, come potete leggere qui sotto, può cancellare una delle armi in vostro possesso nella modalità Fortnite Salva il Mondo.

Epic ci suggerisce di “non usare l’emote per il momento. Daremo più informazioni sui risarcimenti dedicati agli oggetti nel prossimo futuro.”

Non solo Salva il Mondo, anche Battle Royale

Secondo quanto segnalato da FireMonkey su Twitter, il problema non è in realtà limitato unicamente alla modalità Salva il Mondo ma anche a Fortnite Battaglia Reale. Per quanto, in questo caso, si tratti di un problema minore, rimane comunque un bug molto serio.

Come potete vedere dal video, dopo l’utilizzo dell’emote l’oggetto equipaggiato (gli artigli di Wolverine, in questo caso) spariscono e il personaggio equipaggia in automatico un’armata arma.

Quando sarà risolto?

In questo momento Epic Games non ha indicato una stima del tempo che sarà necessario per poter risolvere il problema. Siamo certi che gli sviluppatori sono al lavoro per correggere il bug, ma fino a quando non saranno loro stessi a confermare la cosa, non sapremo quanto dovremo attendere.

Epic Games informerà i fan, come sempre, tramite il suo account ufficiale Fortnite Status.

Fortnite | Articoli utili

Ecco una serie di articoli dedicati a Fortnite che potrebbero interessarvi:

Il battle royale arriverà su PlayStation 5 e Xbox Series X | S: potete trovare le console su Amazon Italia!



[…]Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi