Fortnite ha attaccato la decisione di Apple di rimuovere il gioco dall’app store con uno spot parodia di 1984, realizzato da Ridley Scott per il lancio di Macintosh.

Fortnite ha reagito con uno spot contro Apple che ha deciso di rimuovere il gioco dall’App Store a causa della forma di pagamento utilizzata da Epic. Il video condiviso online invita i fan e gli utenti a unirsi alla “lotta” per impedire che il 2020 diventi come il 1984, riferimento al video che aveva realizzato Ridley Scott per l’azienda per promuovere il lancio del Macintosh.

Epic Games ha scritto sul proprio sito che Fortnite andava contro il monopolio di Apple sostenendo che la società mantiene i prezzi alti in modo da poter tenere il 30% dei pagamenti degli utenti impedendo di versare direttamente le cifre per acquistare espansioni e funzionalità agli sviluppatori.
La società di videogame ha quindi avanzato una causa legale per porre fine alle restrizioni imposte da Apple sul mercato legato alle app per iOS.

Fortnite rimane disponibile su Google Play, PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch, PC, Mac, GeoForce Now l’app di Epic Gammes su Android.

Ridley Scott aveva firmato l’epico spot per il lancio del Macintosh andato in onda il 24 gennaio 1984 durante il Super Bowl.

Tra i prossimi progetti di Ridley Scott c’è il film The Last Duel, la cui uscita è stata posticipata di un anno nelle sale a causa dello stop alle riprese avvenuto a marzo, e la serie Raised by Wolves, di cui è produttore e regista. Lo show racconterà la storia di due androidi che devono crescere dei bambini umani su un misterioso pianeta misterioso la cui colonizzazione viene messa a rischio a causa delle differenze religiose. Gli androidi scoprono che controllare ciò in cui credono gli individui è un compito pericoloso e difficile.

Leggi di più su: movieplayer.it

Rispondi