È ottobre e questo significa una cosa per il mondo dei videogiochi: Halloween. Tutti i game as a service si preparano a introdurre tante novità a tema horror. Un primo esempio è Call of Duty Warzone (di cui abbiamo parlato approfonditamente), ma non dobbiamo dimenticare un altro Battle Royale: Fortnite. Epic Games sta per introdurre, infatti, Fortnitemares 2020, ma pare che le novità di Halloween non piaceranno ai fan.

Fortnite Fortnitemares 2020 zombie

Lo scorso anno, se ricordate, Epic Games ha deciso di non usare gli zombie di Salva il Mondo e dare invece spazio a delle creature nascoste nelle auto e nelle balle di fieno. I giocatori avevano apprezzato quest’idea perché, pur spaventando di tanto in tanto chi non era preparato, questi zombie non avevano un grande impatto a livello ludico. Quelli presi da Salva il Mondo invece rischiano di far perdere la partita a causa del numero elevato. Secondo un dataminer, Epic ha deciso di tornare alla vecchia versione, meno amata dai fan.

Come potete vedere poco sotto, infatti, Mang0e ha segnalato che il suono dei cubi che fanno apparire gli zombie è stato modificato nell’ultimo update, il 14.30. Per ora si tratta solo di una piccola modifica, ma non ci sarebbe motivo di inserirla se non ci fosse l’intenzione di reintrodurre gli zombie di Salva il Mondo in Fortnite Battaglia Reale per l’evento di Fortnitemares 2020,

Ci sono inoltre una serie di rumors legati all’Autorità, che dovrebbe diventare la casa di Midas e di alcuni scagnozzi in formato fantasma. Gli zombie potrebbero magari apparire sono in tale zona. La speranza, in ogni caso, è che il rateo di generazione delle creature non sia troppo elevato: Fortnite Battle Royale è prima di tutto un PvP, inserire creature aggiuntive non è apprezzato da tutti.

Diteci, voi cosa ne pensate?

Potete acquistare una ricarica V-Bucks per Fortnite su Amazon italia. Inoltre, potete prepraravi ad Halloween con un po’ di giochi horror come Dead by Daylight o Friday the 13th The Game o anche Resident Evil 7!



[…]Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi