The Guardian riferisce che il sistema Prevent del governo britannico una volta avrebbe ricevuto una soffiata su un bambino di quattro anni che è stato sentito parlare di armi mentre giocava a Fortnite, il che ha portato la polizia a presentarsi a casa della famiglia.

Il ragazzo è stato denunciato nel 2019, dopo essere stato sentito dopo la scuola dire che suo padre aveva “pistole e bombe nel suo capanno“. Eppure è stato presto scoperto attraverso le trascrizioni che aveva semplicemente parlato di armi di Fortnite.

L’innocenza dei commenti del ragazzo ha portato a ulteriori critiche al programma Prevent. La stessa storia rivela che dal 2016, oltre 2000 bambini britannici di età inferiore ai nove anni sono stati segnalati dall’organo, il che fa temere che i bambini musulmani siano ingiustamente presi di mira dal programma.

thfmhbz9bjxsag1p1mo2

… è … preoccupante che centinaia di bambini appena abbastanza grandi da allacciarsi i lacci delle scarpe vengano profilati come potenziali futuri criminali sulla base di cose come i videogiochi che giocano o le opinioni percepite delle loro famiglie“, ha detto a The Guardian Rosalind Comyn, policy and campaigns manager per Liberty.

Che ne pensate?

Fonte: Kotaku.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi