Cerca
Close this search box.
Final Fantasy 7 Rebirth Is Absolutely Stuffed With Queer Rep

Final Fantasy 7 Rebirth è assolutamente pieno di rappresentanti queer

Tempo di lettura: 2 minuti
Final Fantasy 7 Rebirth Is Absolutely Stuffed With Queer Rep

Sono uscite le recensioni di Final Fantasy 7 Rebirth, che ci hanno dato un assaggio di ciò che l’attesissimo sequel ha da offrire. Anche se non ci addentreremo ancora negli spoiler, una cosa che è emersa dal tempo trascorso con il gioco è che Rebirth è pieno di rappresentazioni queer, molto più dei giochi precedenti.

Lo ha notato Jade King di The Gamer, mentre attraversava Final Fantasy 7 Rebirth. Ci sono diverse coppie omosessuali da trovare in tutto il mondo, molte con le loro storie che puoi conoscere attraverso i dialoghi ascoltati. Jade ha persino individuato una coppia lesbica più volte nel corso del gioco, con una relazione diversa ogni volta che l’ha incontrata.

Nel complesso, sembra che ci sia stato uno sforzo consapevole per diversificare il tipo di PNG in cui ci si imbatte nel corso del gioco. Ci sono numerose coppie omosessuali che, pur non essendo legate alla storia, sono semplicemente in giro, vivono la loro vita e si abbracciano. In un caso, puoi persino trovare due donne che litigano, per poi vederle insieme, tutte truccate.

Sebbene sia assolutamente bello vedere queste piccole storie queer raccontate organicamente nel gioco, non sorprende che Square Enix si sia impegnata di più questa volta. Final Fantasy 7 Remake ha già migliorato la rappresentazione queer dell’originale Final Fantasy 7, trasformando l’intero segmento dei travestiti in una celebrazione della comunità LGBTQ. Piuttosto che rifuggire da questo aspetto, visto come è invecchiato l’originale, Square Enix si è data da fare, rendendo la scena più esagerata pur mantenendo una rappresentazione della cultura queer rispettosa.

Con l’inclusione di personaggi LGBTQ anche in Final Fantasy 16, si può dire che Square Enix sta lavorando attivamente per rappresentare le identità queer nei suoi giochi. Questo è particolarmente bello da vedere con Rebirth, dato che lo studio avrebbe potuto nascondersi dietro l’argomentazione che non c’era molta rappresentanza queer nell’originale.

Ma come abbiamo già visto con Remake, Square Enix non ha paura di apportare modifiche significative alla storia originale. Non ci resta che aspettare e vedere quanto questi cambiamenti siano stati profondi anche in altre aree del gioco, quando Final Fantasy 7 Rebirth verrà lanciato il 29 febbraio.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti