Pochi giorni fa, uno scandalo ha sconvolto la rete e i fan di FIFA 21: secondo quanto emerso, alcuni dipendenti di Electronic Arts avrebbero rivenduto illecitamente delle carte di Fifa Ultimate Team, ottenute grazie al loro status, generando un traffico e una compravendita di diverse migliaia di dollari a carta.

In seguito alle prime accuse, EA aveva lanciato un’inchiesta interna ufficiale, volta a stanare il dipendente (o i dipendenti) responsabili di tale gesto, sempre se fosse tutto vero.

Oggi, dopo le prime analisi, EA ha confermato ufficialmente il tutto: qualcuno dei suoi dipendenti faceva “il furbetto” con le carte di FUT.

Il publisher ha voluto condividere il tutto in un comunicato ufficiale, pubblicata sul proprio blog:

Abbiamo scoperto che oggetti FUT sono stati ottenuti da account individuali che non li hanno ricevuti attraverso il gameplay o l’apertura di pacchetti, acquistati attraverso transfer market o completando le sfide o con altri sistemi. Sembra che uno o più account EA, compromessi o utilizzati in maniera inappropriata da qualcuno all’interno di EA, si siano accreditati questi oggetti su account individuali. Sebbene l’indagine completa sia ancora in corso, volevamo condividere un aggiornamento sulla questione, incluso quello che abbiamo scoperto finora, annunciando l’arrivo di modifiche al processo di trasferimento dei contenuti e altre azioni che esploreremo per controbattere a questo serio problema.“.

fifa_21_ultimate_team

EA ha annunciato tolleranza zero e gravi conseguenze per tutti coloro che risulteranno colpevoli, questo vale anche per i giocatori “acquirenti”:

Come prossima cosa, facciamo chiarezza su quello che succederà: quando l’indagine sarà conclusa, prenderemo provvedimenti contro ogni dipendente che sarà trovato coinvolto in questa attività. Qualsiasi oggetto ottenuto attraverso questa attività illecita, verrà rimosso dal sistema FUT e EA bandirà permanentemente qualsiasi giocatore che avrà avuto a che fare con la compravendita.“.

Fino a quando la questione non verrà chiarita, EA non regalerà più carte o oggetti in-game a dipendenti, partner e influencer.

Fonte: EA

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi