Il lancio di Fallout 76 non è stato esattamente un successo per Bethesda, come forse ricorderete, e Todd Howard ha rivelato di aver chiamato il boss di Xbox Phil Spencer per un aiuto.

Durante il briefing Bethesda-Microsoft di ieri, Howard ha ricordato che Spencer è stata una delle prime persone che ha chiamato quando le cose sono iniziate ad andare a male con Fallout 76. Spencer ha diretto Howard verso alcune persone in Xbox che hanno dato a Bethesda alcuni buoni consigli su come riportare Fallout 76 sulla strada giusta. Come è stato ben documentato, Fallout 76 ha faticato al lancio, sia in termini di prestazioni che di stabilità. I fan hanno duramente criticato il titolo, dicendo che non era un vero Fallout a causa della sua natura online e dell’assenza di NPC.

Quando è stato lanciato quel gioco abbiamo deluso molte persone“, ha detto Howard. “Una delle persone che ho chiamato era Phil. Ho detto: “Ehi, sai che abbiamo a che fare con molte cose, che consiglio hai?” E mi ha messo in contatto con alcune persone in Xbox che sono state in grado di esaminare tutti i sistemi di gioco e ciò che era importante e ciò che non lo era per i giochi a lungo termine“.

I consigli ci hanno davvero aiutato e ora, vedendo Fallout 76 come uno dei più giocati su Xbox, ci sentiamo incredibilmente fortunati ad essere con loro.”

Il commento di Howard aveva lo scopo di dimostrare il lungo e proficuo rapporto tra Bethesda e Microsoft prima dell’acquisizione.

L’accordo da 7,5 miliardi di dollari è ora completo e questo permetterà alle due società di lavorare insieme in modo più stretto di prima.

Fonte: Gamespot.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi