Cerca
Close this search box.
It's Profit Driven Game Design, Not Wokeness, That Has Changed Video Games

È il design dei giochi orientato al profitto, non la wokeness, ad aver cambiato i videogiochi

Tempo di lettura: 4 minuti
It's Profit Driven Game Design, Not Wokeness, That Has Changed Video Games

I giochi non fanno per te al giorno d’oggi. Questa frase può essere letta in due modi ed entrambi sono sbagliati. Il primo è un grido d’allarme sul fatto che i giochi ti sono stati portati via, che le aziende sono diventate woke e hanno smesso di preoccuparsi dei più piccoli. La seconda è una provocazione sul fatto che il futuro è adesso, che se ti piace un gioco con un protagonista bianco, devi essere razzista.

Non credo a nessuna di queste cose, ma credo che i videogiochi non siano più per te. O per me. O forse per chiunque.

Al giorno d’oggi si discute molto sulla direzione dei giochi, spesso con la stessa superficialità del primo paragrafo. La verità è che il gioco è un hobby globale e diventa una forma d’arte più ricca se permette di avere prospettive più ampie e una maggiore diversità. Allo stesso tempo, la diversità che diventa una parola d’ordine porta alla ruffianeria e all’inclusione, se fatta a beneficio di gruppi di discussione, può finire per diluire una storia, non per arricchirla.

King Shark and the other members of the Suicide Squad in the background Questi non sono giochi realizzati con scelte orientate al giocatore.

Suicide Squad ha appena dimostrato perfettamente perché l’accesso anticipato a pagamento deve morire , queste edizioni deluxe sono un vantaggio per tutti. Possono far pagare un prezzo per i nuovi giochi e i clienti li ringrazieranno per l’opportunità.

In ogni caso, mentre discutiamo di questo, i giochi stanno cambiando sotto i nostri piedi. Vuoi sapere qual è il vero motivo per cui stiamo litigando per Suicide Squad: Kill the Justice League? Non è perché i giornalisti odiano i videogiocatori, né per una bandiera trans, e nemmeno per quello che hanno fatto a Batman. È perché l’hanno trasformato in un festival di MTX in diretta, è perché nessuno lo vuole davvero.

Quando dico nessuno, intendo proprio nessuno. Nessuno. Nessuna persona ha guardato il mondo creato da Rocksteady e ha pensato: “Non sarebbe bello se ci volessero nove anni per il seguito e fosse un grind infinito sempre online con una campagna di sette ore?”. Questa non è una cosa che la gente voleva. Anche le persone che amano i giochi a live service come Destiny vogliono qualcosa di simile a Destiny. Suicide Squad non si impegna a essere un Destiny perché ha bisogno di una campagna per giocatore singolo come punto di forza, e le sue opzioni di servizio live sono attualmente molto più scarne di quanto lo sarebbe un vero live service al lancio.

Suicide Squad non è l’unico gioco che nessuno ha voluto negli ultimi anni

C’è stato un cambiamento fondamentale nel modo in cui vengono sviluppati i giochi. Si è sempre trattato di un’attività commerciale, ma le idee per i giochi nascevano come semplici idee. Un ragazzo pensava a un’idea interessante per un gioco, si riuniva con gli amici per realizzarlo e sperava che facesse abbastanza soldi da permettere allo stesso gruppo di amici di creare un sequel. Si iniziava con un “sarebbe bello” e i soldi seguivano. Al giorno d’oggi è tutto al contrario.

Sì, il ragazzo con l’idea era praticamente sempre un uomo bianco cis, mentre ora c’è più diversità nel settore. Questo è correlato ai problemi che stiamo riscontrando, ma non è la causa. Non è assolutamente correlato. Puoi non apprezzare una storia, un tropo o il fatto che i tuoi personaggi preferiti muoiano a volte, ma non è questo il motivo per cui sembra che il gioco ti stia allontanando. È così perché ti sta allontanando.

Non è intenzionale. Il gioco è un’attività che cerca di crescere perennemente, ecco perché le aziende continuano a licenziare durante la crescita perché la crescita è stata inferiore alle aspettative. Il gaming vuole il maggior numero possibile di fan, ma lo fa in modo molto maldestro. Vede quanti soldi fanno giochi come Apex Legends e FIFA/EA FC (il 73% delle entrate di EA nel quarto trimestre del 2023 proveniva da entrate da servizi live come i battle pass di Apex o i pacchetti di FUT) e vuole anche quei soldi.

Non si tratta più di “avere un’idea – fare soldi con essa”, ma di “questa cosa fa soldi – dammi un’idea”. È un processo al contrario.

I giochi non sono più fatti per i veri giocatori, e non perché siano diventati “woke” o perché stiano inserendo le opinioni politiche degli scrittori a scapito dello sviluppo del gioco e della sua narrazione. È perché le persone che si divertono e apprezzano un gioco sono scese troppo in basso nella lista delle priorità. Al contrario, devono solo pagare e continuare a mettere soldi nella slot machine. Così i giochi vengono progettati come slot machine e nessuno se li gode.

Suicide Squad sembra una reliquia di quest’epoca che si spera stia per finire, ma il fatto è che, a prescindere da ciò che dicono i VT dietro le quinte, nessuno voleva questo tipo di gioco. Esiste perché, se ha successo, ha un formato che gli permette di fare molti soldi. Ma siccome nessuno lo voleva, è improbabile che abbia successo, e si è bruciato quasi un decennio di possesso di una delle IP più solide, per ritrovarsi con una slot machine difettosa.

Il fatto che Suicide Squad sia ormai superato significa che forse non ci saranno più molti giochi simili a questo, ma il mondo dei grossi dev sembra ancora destinato a dare priorità ai soldi e alle idee retrofit, piuttosto che partire da un’idea e renderla abbastanza buona da generare un profitto. I giochi realizzati in questo modo non sono fatti per te, per me o per chiunque altro. L’unico giocatore ideale che si ha in mente è quello che può essere portato a pagare soldi extra per oggetti digitali luccicanti, più volte.

Se stai lottando contro la wokeness, stai guardando la cosa sbagliata: i giochi sono stati portati via a tutti noi, e non a causa di una bandiera del Pride sullo sfondo.

E finché continuerai a credere a queste storie darai a questa gente avida e disonesta una scusa dietro cui nascondere i veri motivi dei loro fallimenti. Cioè che di noi giocatori non gli importa più niente.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti