Cerca
Close this search box.
Dragon’s Dogma 2 Is Yet Another Incredibly Thirsty Capcom Game

Dragon’s Dogma 2 è l’ennesimo gioco di Capcom anche troppo sexy

Tempo di lettura: 3 minuti
Dragon’s Dogma 2 Is Yet Another Incredibly Thirsty Capcom Game

Capcom sta andando alla grande. Dall’uscita di Resident Evil 7: Biohazard nel 2017, non ha sbagliato un colpo quando ha sfornato titoli di successo e ha portato all’attenzione mondiale tutti i suoi franchise più grandi e migliori. Anche le gemme minori come Phoenix Wright e Ghost Trick non sono mancate grazie a eccellenti rimasterizzazioni e pacchetti revival. Ma al centro di tutto ci sono state proprietà come Resident Evil, Monster Hunter e Devil May Cry.

Continuano a raggiungere nuovi traguardi e pietre miliari e, in quanto fan da sempre di tutti e tre, è bello vedere i giocatori che mangiano bene e sanno che le porzioni extra sono in arrivo. Non avrei mai pensato di poter dire lo stesso di Dragon’s Dogma, però. Contro ogni aspettativa, il sequel del classico di culto è a pochi mesi di distanza e, da tutto ciò che abbiamo visto, sembra incredibile. Utilizzando un motore RE aggiornato, il gioco vedrà ancora una volta i giocatori reclutare Pawn con cui viaggiare alla ricerca di mostri giganti da conquistare. Prendendo più di qualche spunto da classici come Dark Souls e Shadow of the Colossus, è il seguito che non avremmo mai pensato di avere.

Inoltre, come molti giochi Capcom moderni, è incredibilmente sfacciato. Non so se questa sia una qualità voluta di Dragon’s Dogma 2 o semplicemente un sintomo delle tendenze del marketing virale e un effetto a catena dell’approccio dell’azienda stessa all’essere spiccatamente sessuale. I giochi come mezzo di comunicazione sono stati coinvolti nella nudità e nel sesso per decenni, ma solo negli ultimi due anni questa rappresentazione è diventata più appassionata ed entusiasta.

I Millennials e gli zoomers tendono ad essere molto meno prudenti quando si tratta di queste cose e quindi i media con cui ci confrontiamo e che ci piacciono non girano intorno all’argomento ma lo abbracciano. Di conseguenza, l’atto di appassionarsi a personaggi di fantasia viene utilizzato per vendere prodotti come mai prima d’ora, in un modo diverso e un po’ parasociale per il quale i videogiochi sono perfettamente adatti.

Tutto è iniziato con Lady Dimitrescu. Il ruolo di Maggie Robertson come padrona succhiasangue in Resident Evil Village è stato immediatamente iconico, cementando il personaggio come una mommy dominatrice che sovrasta il giocatore e lo guarda dall’alto in basso come un giocattolo indifeso.

 Dragon's Dogma 2 Giant Eagle Fight

L’accoglienza che abbiamo riservato al personaggio sembra aver colto di sorpresa Capcom: gli sviluppatori hanno infatti dichiarato che non era nelle loro intenzioni iniziali e che hanno deciso di puntare su di esso solo a posteriori. È diventato un fenomeno certificato, con la Robertson che ha ottenuto premi e ruoli simili, diventando una meritata leggenda nel campo della recitazione. Il tutto grazie a un cattivo che viene eliminato nel primo atto e che non gioca affatto un ruolo importante in Village. Ma rimane la parte più duratura del film.

Abbiamo visto giochi seguire le sue orme e Capcom continua a puntare su questo aspetto della sua identità. Di recente, l’attività sui social media e il marketing di Dragon’s Dogma 2 si sono concentrati sulla sete del pubblico e sul fascino di mostri imponenti che possono sbaciucchiarci non appena ci uccidono. Questo ci porta alla Sfinge, una grande mostruosità alata che Capcom descrive come un boss di fine gioco completamente opzionale che rappresenterà una sfida significativa. È anche molto bella e spaventosa, una combinazione vincente.

 Lady Dimitrescu e le sue figlie sovrastano il protagonista in Resident Evil Village.

Parlando con IGN, il direttore del gioco Hideaki Itsuno ritiene che la maggior parte delle persone finirà il gioco senza mai incontrare le creature. Si tratta di un’offerta generosa, che la maggior parte dei giocatori non potrà cogliere e di una tattica incredibilmente brillante da parte di Capcom. Non solo la Sfinge è una delle parti più attraenti dal punto di vista visivo e più intense dal punto di vista meccanico di un RPG d’azione già di per sé colossale, ma viene anche commercializzata attivamente come qualcosa da cercare e da rischiare di perdere se non si gira ogni singola pietra che si incontra.

Inoltre, non posso ignorare il modo in cui la Sfinge ci viene presentata. Sull’account Twitter ufficiale, Capcom si limita a dire: “Ehi. Non pensarci nemmeno“, accompagnata da una GIF dell’animale che guarda il giocatore, con ali e scollatura in bella vista. Sa che siamo dei degenerati e punta attivamente su questo fatto per garantire la viralità. E indovina un po’, sta funzionando. Non è un problema per me. Semmai, so di essere un freak quando post di questo tipo appaiono sulla mia timeline e vengo a chiamarli, abbaiando a quattro zampe come da tradizione.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti