Il giocatore professionista brasiliano di Dota2, Anderson “444” Santos, è morto all’età di 25 anni.

Secondo la sorella di Santos, il ragazzo è morto in un’unità di terapia intensiva a Manaus, in Brasile, il 6 febbraio, e nonostante i molteplici tentativi di rianimazione, è deceduto per la malattia causata dalla pandemia in corso di COVID-19. I fan avevano raccolto fondi a gennaio per aiutare a pagare le cure, accumulando $ 6000.

444, noto anche semplicemente come “Bob” e “Bob444”, aveva recentemente giocato per paiN Gaming, che ha rappresentato all’MDL Disneyland Paris Major e all’EPICENTER Major nel 2019. La sua vincita più grande è arrivata al DOTA Summit nel luglio 2019, dove paiN è arrivata seconda.

La mancanza di spazio nelle unità di terapia intensiva in Brasile significava che il ragazzo era assistito sia dall’ospedale che a casa. Globoesports riferisce che Santos ha avuto un’infezione causata da una bassa ossigenazione del sangue.

444 ha persino respirato con l’aiuto di bombole di ossigeno, ma ha mostrato un lento miglioramento e stava facendo esercizi di fisioterapia polmonare“, riporta il quotidiano brasiliano. Sabato 6 febbraio ha avuto difficoltà a respirare, non ha resistito ed è morto, nonostante i numerosi tentativi di rianimazione.

Altri giocatori professionisti e famose personalità di Dota hanno reso omaggio a 444 in seguito alla notizia della sua scomparsa.

Il 21 gennaio, la sorella di 444 aveva condiviso i progressi sulla raccolta fondi, in gran parte in arrivo dalla community sudamericana di Dota.

Il 6 febbraio ha confermato la sua scomparsa.

Fonte: Dexerto.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi