Deathloop non poteva di certo mancare nello State of Play di questa sera! Il titolo di Arkane Studios d’altronde sarà molto importante per la line-up di PS5 considerando gli accordi tra Bethesda e Sony stretti prima dell’acquisizione da parte di Microsoft.

Il filmato mostrato questa sera è un mix di gameplay puro e trailer che tra sparatorie e poteri soprannaturali presenta un gameplay che promette di essere davvero spettacolare.

Ecco le parole condivise da Bethesda sul PlayStation Blog e il nuovissimo trailer gameplay:

Tutti conoscono la sensazione di déjà vu, quella di aver provato qualcosa, prima. Per Colt, questa sensazione è quasi costante. Intrappolato in un loop temporale, Colt vive déjà vu praticamente da sempre. In realtà, non da così tanto tempo, poiché ha un’amnesia e ricorda solo il passato recente. Questo potrebbe spiegare tutti i suoi déjà vu. Ogni volta che la giornata ricomincia, è una lotta per ricordare tutto in modo da sfruttare le conoscenze acquisite, andare avanti e, si spera, fuggire dall’isola di Blackreef. Nell’ultimo trailer di DEATHLOOP, Colt si concentra su un nuovo obiettivo, il Visionario Frank “Ciancia” Spicer.

I suoni di Blackreef

Gli abitanti di Blackreef vivono una festa senza fine. Ogni giorno si celebrano caos, grandiosità e dissolutezza. Questo spirito si è infuso in tutti gli elementi del gioco: dalle scene da ubriachi che si svolgono per le strade, ai graffiti dai colori vivaci e a tratti minacciosi disseminati sull’isola, e perfino alla musica che ascolterete nei quattro distretti in cui è divisa Blackreef.

“Accanto alle diverse influenze visive in ogni distretto, volevamo assicurarci che i giocatori potessero ascoltare cose diverse tra le varie zone dell’isola”, dice il direttore audio Michel Tremouiller. “Le melodie di ogni distretto cambiano in base all’architettura e all’atmosfera del posto e ai Visionari che li considerano casa. Se il distretto Updaam di Aleksis è tutto rock psichedelico e toni da fantascienza vintage, la zona dove abita Frank Spicer, ossia Fristad Rock, è caratterizzata da chitarre più malinconiche che suonano al ritmo delle onde.”

In DEATHLOOP, al direttore audio Michel Tremouiller è stato chiesto di creare uno stile musicale unico come l’isola di Blackreef. Ma prima di definire l’atmosfera sonora di ogni distretto, ha dovuto stabilire lo stile dominante.

“Innanzitutto, definiamo gli elementi più importanti che vogliamo che siano chiari per il giocatore e sottolineati nel gioco”, afferma Michel Tremouiller. “Di solito serve concentrarsi su alcune parole chiave che descrivono il gioco, ed è un buon punto di partenza per il lavoro del team audio. In DEATHLOOP, come in tutte le precedenti produzioni di Arkane, stabiliamo una serie di parole chiave e di stratificazioni che compongono questo universo. DEATHLOOP ha parole chiave come magico, militare, scientifico, misterioso, Northeim, parco divertimenti… e così via. Ovviamente, tutti questi concetti non possono essere applicati a un unico stile di musica. Creiamo universi complessi e originali, perciò è impossibile copiare uno stile musicale già esistente.”

“È musica rock psichedelica con accenni di vintage fantascientifico, jazz e suoni esotici e folk”, dice Tremoiller provando a riassumere il comparto sonoro di DEATHLOOP. “A volte è frenetica, altre più distesa e misteriosa… proprio come l’isola di Blackreef.”

Le ispirazioni di Sebastien Mitton

Volete spingervi un po’ più in profondità dietro le quinte di DEATHLOOP? Il direttore artistico Sebastien Mitton ha compilato un elenco di film e dei temi che hanno ispirato gran parte della vision del team per l’isola di Blackreef. Preparatevi all’uscita di DEATHLOOP con queste opere.

  • Skyfall (2012 | Regia di Sam Mendes) – Atmosfere grandiose e colline scozzesi
  • Senza un attimo di tregua (1967 | Regia di John Boorman) – Un mondo vuoto e arido in cui organizzare una vendetta
  • The Wicker Man (1973 | Regia di Robin Hardy) – Un intricato caso di omicidio su un’isola scozzese
  • Sotto il vulcano (1984 | Regia di John Huston) – Un’anima tormentata nel Giorno dei Morti in Messico
  • Fuga da New York (1981 | Regia di John Carpenter) – Un antieroe che lotta per fuggire
  • I guerrieri della notte (1979 | Regia di Walter Hill) – Cacciatori e prede
  • La cosa (1982 | Regia di John Carpenter) – Isolamento, condizioni climatiche avverse, sopravvivenza

Deathloop è atteso il 21 maggio su PS5 e PC.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi