In una nuova intervista su Axios, il capo di PlayStation, Jim Ryan, ha voluto commentare la recente, ma storica decisione di Sony: rimuovere Cyberpunk 2077, il kolossal di CD Projekt Red, dal PlayStation Store.

Il titolo, come sicuramente ricorderete, uscì con numerosi problemi, fra bug, glitch e ottimizzazione, tali da renderlo, a tratti, ingiocabile su console di vecchia generazione.

Nonostante la promessa di patch correttive (che, in tutta onestà, sono arrivate), lo scorso dicembre Sony scelse di rimuovere completamente il titolo dal proprio negozio online, impedendo così l’acquisto della versione digitale.

Oggi, sei mesi più tardi, Ryan è voluto tornare sull’argomento:

È stata una decisione molto sofferta per noi, ma alla fine abbiamo dovuto agire nell’interesse della commuinty PlayStation. Non potevamo, in coscienza, vendere un gioco che poteva offrire una brutta esperienza ai giocatori.“.

In questo momento, non sappiamo se Cyberpunk 2077 ha ancora una possibilità di tornare sul PS Store, oppure se la nave è ormai salpata. CD Projekt ha assicurato di essere in contatto con Sony e di star lavorando per trasformare il titolo in un prodotto che soddisfi i suoi standard di qualità.

L’opinione pubblica ipotizza una reintroduzione del gioco con il lancio dell’update next-gen, previsto entro la fine dell’anno, ma ancora non possiamo dirlo con certezza.

Una cosa è sicura: la rete non ha perso tempo a prendere in giro le dichiarazioni di Ryan, sottolineando come nel PS Store continuino ad esistere giochi come Life of Black Tiger, Skylight Freerange 2: Gachduine, Flowers are Dead e molti altri, pubblicizzati direttamente da Sony stessa, la cui qualità è altamente discutibile.

Qual è la vostra opinione su questa situazione? Sony ha fatto bene a rimuovere Cyberpunk 2077? Secondo voi, il gioco è pronto per tornare in vendita?

Fonte: PushSquare

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi