Il modder Floyd Nexus ha recentemente pubblicato un’interessante mod per Cyberpunk 2077, la quale non aggiunge niente a livello grafico, nessun stravagante modello e non altera in alcun modo il gameplay.

Si tratta infatti di una mod audio, la quale sistema e revisione oltre 800 file audio presenti al suo interno, migliorando sensibilmente il comparto sonoro e il mixing.

Ecco una breve descrizione della mod, con le parole del suo autore:

Per essere più precisi su ciò che fa la mod, ad esempio, l’audio ad alto volume in una discoteca sarà ancora forte, ma ora potete ascoltare ciò che gli altri ti stanno dicendo! Anche la musica da combattimento resterà alta, ma sarà meno fastidiosa perché la differenza con la musica ambientale è ora accettabile. L’elenco di ciò che ho fatto è ancora piuttosto lungo e dipende da ogni file, ma non dimenticate che il mio scopo è quello di creare un corretto mix audio e non aggiungere la polka nell’aldilà.“.

Se il mixing dell’audio in Cyberpunk 2077 non vi ha soddisfatto, allora potete testare questa mod voi stessi, scaricandola a questo indirizzo. Tuttavia, come riportato nel titolo della notizia, si tratta di una mod bella grossa, da ben 11GB, quindi adattatevi di conseguenza.

Purtroppo Floyd Nexus non ha pubblicato dei video per paragonare l’audio originale alla versione aggiornata dalla sua mod, ma gli utenti che hanno commentato fino ad ora sembrano parecchio entusiasti.

CD Projekt ha reso disponibili gli strumenti per il modding solo da pochi giorni, ma tanti sono bastati per portare alla luce alcune delle mod più utili e creative in circolazione. Abbiamo infatti, fra le tante, mod per migliorare i controlli di gioco o i controlli alla guida, una per attivare la terza persona e perfino una per avere rapporti sessuali con Johnny Silverhand/Keanu Reeves, anche se questa è stata rimossa in pochissimi minuti dagli sviluppatori per ovvi motivi.

Avete già provato la mod di Floyd Nexus? Secondo voi, il comparto audio di Cyberpunk 2077 necessitava di questo miglioramento?

Fonte: DSOGaming

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi