Remedy ha vissuto il suo anno migliore in assoluto, con ricavi per l’intero anno in aumento del 30% a € 41,1 milioni.

Gli ultimi risultati finanziari dello studio finlandese mostrano che l’utile operativo per i 12 mesi terminati il ​​31 dicembre 2020 ha raggiunto i 13,2 milioni di euro, più del doppio dei 6,5 milioni di euro realizzati nel 2019.

Nei risultati non certificati da luglio a dicembre 2020, i ricavi della società sono aumentati del 35% su base annua a 24,1 milioni di euro, mentre l’utile operativo è raddoppiato a 10,1 milioni di euro.

Tutto ciò è stato ottenuto senza una nuova uscita nel 2020.

L’azienda è invece cresciuta grazie al continuo successo dell’acclamato Control, che ha ricevuto nuove espansioni ed è stato lanciato su nuove piattaforme e mercati.

Il gioco è arrivato su Steam e Xbox Game Pass, le versioni cloud sono state lanciate su Nintendo Switch e il servizio Luna di Amazon, e Remedy e 505 hanno pubblicato la Ultimate Edition su varie piattaforme.

Come annunciato a dicembre, Control ha venduto più di due milioni di copie in tutto il mondo, con promozioni che fanno di novembre 2020 il mese più grande per le vendite del gioco fino ad ora – 15 mesi dopo il suo debutto originale.

All’inizio di questo mese, il gioco è stato lanciato su Xbox Series X/S e PlayStation 5.

Nei suoi commenti come parte del report finanziario, il CEO di Remedy Tero Virtala ha affermato che il successo di Control ha dimostrato che “i grandi giochi hanno cicli di vita lunghi“.

Ha aggiunto: “mentre continuiamo a supportare ulteriormente Control, il team di sviluppo si sta gradualmente spostando a lavorare su un nuovo gioco Remedy.”

I commenti di Virtala hanno anche fornito ulteriori informazioni sul nuovo progetto dello sviluppatore.

Oltre alla sua continua collaborazione con Smilegate sulla componente single-player per il popolare sparatutto Crossfire, la società è anche nelle prime fasi di sviluppo di Vanguard, un gioco cooperativo che si basa sulla “costruzione del mondo e sui punti di forza narrativi di Remedy“.

Virtala ha sottolineato che il gioco porta Remedy in un nuovo territorio ed è ancora nelle sue fasi iniziali. In quanto tale, il modello di pubblicazione deve ancora essere deciso.

Altrove, il CEO ha condiviso maggiori dettagli sulle collaborazioni di Remedy con Epic Games, in seguito alla notizia dello scorso anno secondo cui lo studio finlandese sarà tra i primi a lavorare con la nuova etichetta publishing di Epic.

Remedy ed Epic stano lavorando a due progetti: un gioco AAA e un gioco su scala ridotta, sia per console che per PC.

Virtala riferisce che entrambi i progetti sono basati su IP di Remedy e che lo studio manterrà i diritti di proprietà intellettuale. Epic finanzierà i progetti e investirà molto nel marketing. Una volta recuperati i costi di sviluppo e pubblicazione, i ricavi saranno divisi equamente tra Epic e Remedy.

Ora ci sono quasi 100 persone che lavorano ai progetti Epic, con il titolo su scala ridotta ora in piena produzione. Si prevede di fare lo stesso con il titolo AAA previsto per la primavera 2021.

Remedy aggiunge che i suoi risultati finanziari mostrano che l’azienda è sulla buona strada per seguire la sua strategia di crescita tra 2021 e il 2025. Tra gli obiettivi, lo studio spera di produrre “diversi giochi di successo e almeno un gioco di grande successo“.

Remedy prevede anche che i suoi ricavi e l’utile operativo aumenteranno nel 2021, principalmente nella seconda metà dell’anno, ma non sono state divulgate previsioni più precise.

Fonte: Gamesindustry.biz.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi