Cerca
Close this search box.

Container, un gioco da tavolo con il tema più noioso che si possa immaginare, è una delle esperienze più eccitanti che abbia mai vissuto

Tempo di lettura: 5 minuti

Potresti pensare che Container non sia tanto un vero e proprio gioco da tavolo giocabile, quanto piuttosto una parodia dei temi banali e seccamente economici adottati dalle offerte più esoteriche dell’hobby del gioco da tavolo.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Dopotutto, si tratta di un gioco da tavolo chiamato Container, che parla di container navali, con un’immagine scialba di una barca impilata di container sulla copertina. Quelle scatole ben impacchettate lasciano poco spazio all’immaginazione. L’edizione Jumbo, rilasciata nel 2018 per il suo decimo anniversario, annuncia senza fiato l’aggiunta “emozionante” di una banca d’investimento. Non si potrebbe scrivere una satira migliore.

Ma non si tratta di Cones of Dunshire. Sì, Container è letteralmente un gioco da tavolo sui container. Ma è anche una delle esperienze di gioco più singolari ed emozionanti che abbia mai vissuto.

Il cuore del magistrale design di gioco di Container è la sua economia chiusa guidata dal giocatore. A differenza della disponibilità di denaro effettivamente illimitata di giochi come Monopoly, che iniettano periodicamente denaro da una misteriosa fonte esterna, il denaro nelle mani dei giocatori e di una banca centrale all’inizio di Container è tutto il denaro che ci sarà.

Ottenere più denaro non è così semplice come passare il Go. Mentre la produzione di container attraverso le tue fabbriche fa circolare gradualmente il denaro verso i giocatori vicini (pagando quote da un dollaro ai “Boss dell’Unione”) e c’è la possibilità di chiedere prestiti alla banca in caso di necessità – anche se con il rischio di dover ripagare il debito – il flusso di denaro rimanente dipende dai giocatori stessi.

I punti si ottengono acquistando i container messi all’asta. Vincere un’asta aggiunge il carico di container offerto al tuo punteggio finale, che accumula punti per colore in base alla carta obiettivo segreta di ogni giocatore.

Per mettere all’asta i container, però, dovrai prima produrli. Non è così semplice produrre i container del colore che ti serve, perché solo gli altri giocatori possono acquistare i container dalle tue fabbriche, trasportandoli su strada fino al loro tabellone prima di metterli in vendita al pubblico attraverso il loro porto. Non c’è la possibilità di scambiare istantaneamente i tuoi container per ottenere punti, come il mercato magico della maggior parte dei giochi da tavolo convenzionali; se vuoi ottenere un punteggio per i tuoi container, dovrai venderli a un rivale prima di salpare e ricomprarli. Come accade per le spedizioni, ci vuole un lungo viaggio per raccogliere i frutti.


A small, simplified model of a container ship on a table, with a black and white cat sat behind it.
Il gatto non è incluso. | Crediti immagine: Eurogamer / Mercury Games

A board from the Container board game (Jumbo Edition), on a table and with a container ship miniature parked on top of it.

Another board from the Container board game (Jumbo Edition), showing a geographical region - possibly the world - and se around it. It's divided up into segments and there are palm-sized shipping container pieces placed in each. Two container ship playing pieces wait on the table outside of the board's area.
Container in gioco. Che piano d’appoggio ordinato. | Crediti immagine: Eurogamer / Mercury Games

Convincere gli altri a comprare i tuoi contenitori significa creare i colori che vogliono comprare, ma anche fissare i prezzi in modo equo. La decisione è lasciata nelle mani dei giocatori: puoi cercare di battere i tuoi rivali e compensare un prezzo basso con vendite elevate, oppure applicare prezzi da capogiro per un colore che solo tu puoi offrire. L’intero gioco è guidato da questa interazione diretta tra i giocatori, che porta il commercio e la contrattazione dei giochi da tavolo come Catan e Monopoly alla sua forma più estrema.

La libertà concessa, nel bene e nel male, è simile a quella di un sandbox. Vendere i container agli altri giocatori è essenziale per fare soldi e guadagnare punti, ma un prezzo troppo alto o un’eccessiva saturazione di un singolo colore significa che l’offerta supererà la domanda, con il rischio di finire in bancarotta o di far crollare l’intera economia del gioco. (L’espansione Investment Bank dell’edizione Jumbo aggiunge una serie di broker controllati dall’intelligenza artificiale che rendono il rischio di crisi finanziaria un po’ meno pesante) I nuovi giocatori o quelli che giocano in modo troppo avventato possono ritrovarsi in situazioni frustranti e senza via d’uscita, nonostante sappiano di poterle evitare con un’attenta pianificazione e decisioni commerciali oculate.

Eppure questa struttura potenzialmente spietata e intrinsecamente imperfetta è proprio ciò che rende Container così unico ed essenziale. Pochi giochi moderni sono abbastanza coraggiosi da lasciare il controllo completo nelle mani dei giocatori, eliminando le reti di sicurezza e le protezioni offerte dalle regole progettate per mantenere sempre le cose in movimento e i giocatori in corsa. Container non è un gioco complicato da giocare, il che rende ancora più impressionante la sua accurata simulazione di una complessa economia funzionante – o in crisi – nel microcosmo di un gioco da tavolo di 90 minuti. Se le cose si bloccano, è colpa dei giocatori, non del gioco.

È un peccato che questa esperienza di gioco davvero unica sia racchiusa in un involucro così scialbo. La grafica disordinata e fangosa di Container è brutta e non riesce a dissipare l’idea immediata che il gioco da tavolo sia qualcosa che va oltre il suo aspetto scialbo. Ciò significa che troppi giocatori rischiano di ignorarlo come l’ennesima produzione amatoriale di un generico gioco di strategia economica.


The box for the board game Container (Jumbo Edition), which is a game about container ships. It shows a sunset-hued image of a container ship taking on cargo. Scintillating.
L’edizione Jumbo di Container è il vero punto di forza. Guarda la suggestiva grafica della scatola. | Crediti immagine: Eurogamer / Mercury Games

Come rovescio della medaglia, i pezzi fisici dell’edizione Jumbo sono sbalorditivi: le barche e i container dei giocatori sono realizzati in resina densa, rendendo la scatola di dimensioni standard un pacchetto davvero pesante sia in termini di peso che di prezzo. C’è una gioia profonda nell’impilare letteralmente i container colorati sul ponte piatto di una nave scatola mentre naviga tra le tavole dei giocatori e l’isola centrale, abbracciando il piacere tangibile che solo i giochi da tavolo possono offrire.

La ciliegina sulla torta di questa eccellenza in persona è che questo gioco da tavolo vestito con i temi meno eccitanti che si possano immaginare ha anche una delle trovate più meravigliosamente inventive di qualsiasi altra esperienza da tavolo. Container trasforma l’intero tavolo in un mare, considerando tutto ciò che non è una tavola, come i porti dei giocatori e l’isola, come acqua aperta. Anche se non c’è un conteggio delle miglia nautiche in pollici o qualcosa di così contorto – sei attraccato o stai navigando – è un trucco brillantemente semplice che espande il gioco oltre i confini dei suoi pezzi di cartone.

Per sua natura, Container non sarà adatto a tutti. Nonostante la sua genialità di gioco, non aspettarti di trovare questo gioco al posto di Catan o Ticket to Ride nel tuo bar di fiducia. Ma per chi è disposto a guardare oltre il suo aspetto poco attraente, sarà ricompensato con un gioco davvero diverso da tutti quelli a cui hai giocato prima. Le sue regole semplici e il suo tema banale sono la base per un’esperienza ricca di socialità che dimostra perché giochiamo insieme ai giochi da tavolo.

Leggi di più su www.eurogamer.net

Potrebbero interessarti