Che bello il periodo autunno-inverno, con tutte le sue ricorrenze, il piacere dello stare a casa al calduccio, Halloween, Natale, Il giorno del ringraziamento e il nuovo capitolo di COD. Già, Call Of Duty oramai è una certezza per quel periodo dell’anno, al pari del veglione di Capodanno su Rai Uno. E come ogni anno l’attesa del suo annuncio sommerge i mesi estivi di anticipazioni, e voci di corridoio, provenienti dalle più disparate fonti. Quest’anno tutti i rumors vertevano su un titolo riguardante la guerra rossa, o molto più genericamente lo storico periodo della guerra fredda fra USA e Russia, e alla fine, con il reveal tenutosi lo scorso 26 Agosto, Call Of Duty Cold War è stato mostrato al mondo. confermando la maggior parte delle supposizioni e presentando qualche sorpresa i indubbio spessore.

Call Of Duty Cold War | Qual è la trama?

Innanzitutto il titolo segue il filone già percorso da Activision lo scorso anno con l’ottimo reboot di Modern Warfare ma, per quest’occasione, Treyarch ha deciso di rimettere mano alla sua serie più celebre, Black Ops, proponendo ai giocatori un seguito diretto del primo, storico, capitolo uscito dieci anni fa.

A supportare il team di sviluppo, per questa particolare produzione a metà fra il reboot e il sequel, gli sviluppatori sono stati affiancati da un paio di team celebri: Raven Software e Benox. Il risultato, almeno per il momento, sembra davvero convincente, mostrando un capitolo di COD che, come nelle migliori annate del passato, potrà cambiare le carte in tavola e stupire, positivamente, un’utenza da troppo tempo vincolata alla routine annuale proposta dalla serie.

La storia di Call Of Duty Cold War incomincia nel 1981 e prende in analisi il delicate, e politicamente teso, periodo della guerra fredda. Un’ambientazione storica perfetta per miscelare elementi realmente accaduti alla canovaccio ricco di azione, e spionaggio, tipico della serie.

A differenza degli altri anni, in questo episodio il giocatore potrà creare il proprio personaggio e definirne le caratteristiche militari (con un form factor analogo alla scelta delle classi presente negli RPG). Ritrovandosi quindi a vivere con maggiore immersione gli eventi che graviteranno attorno al protagonista di Call Of Duty Cold War.

Il comparto narrativo, sempre per rimanere in tema di cambiamenti per la serie, sarà delineato da scelte multiple, che ovviamente sfoceranno in epiloghi diversi fra loro, una svolta decisamente interessante per la saga e che, se le varie direzioni che prenderà la trama in base alle scelte si riveleranno scritte in maniera solida, amplierà sicuramente la longevità del comparto single player.

Call Of Duty Cold War | I dettagli sul Gameplay

I primi momenti i gameplay mostrati da Activision hanno confermato alcuni ritorni celebri in Call Of Duty Cold War, primi fra tutti gli immancabili Mason e Woods. La porzione i giocato si svolgeva in Ucraina con un contesto che, almeno nelle prime battute, riportava alla mente le sezioni innevate che abbiamo potuto rivivere di recente con il remake di Modern Warare 2.

Questa porzione di gioco ha mostrato tutto quello che un fan di COD ha bisogno di vedere: caos, sparatorie ricche di azione, momenti al limite dello stealth (con tanto di macchina fotografica atta a marchiare i nemici presenti nell’area), riferimenti velati a Nuketown (davvero credevate che non l’avremmo vista anche quest’anno?) e, come per il primo Black Ops, una colonna sonora che promette di alietarci con una moltitudine di classici pop-rock degli anni 80.

Molto più interessanti si sono rivelate le porzioni i giocato ambientate a Mosca, dove si sono potuti visionare gli approcci multipli alle missioni di gioco offerte dal nuovo capitolo di Black Ops (comprendenti azioni sotto copertura, possibilità di avvelenare gli obiettivi e interrogare i nemici), e in Vietnam, dove abbiamo potuto fare la conoscenza di peculiari sezioni di gioco, giustificate al momento come flashback ricostruiti mentalmente dai vari personaggi, che si ripeteranno nella forma ma cambieranno nella sostanza in base a quale personaggio della storia lo narrerà in quello specifico momento.

Call Of Duty Cold War – Warzone e il multiplayer

Seppur, contenutisticamente parlando, la campagna del nuovo Black Ops dovrebbe attestarsi sulla stessa lunghezza dei precedenti capitolo, siamo certi che se il sistema di scelte multiple sarà implementato correttamente, la longevità generale ne gioverà, così come l’intero ecosistema di gioco in termini di “freschezza”.

Nessuna informazione, almeno per il momento, è stata rilasciata dagli sviluppatori in merito alle modalità multiplayer, a parte la conferma della canonica modalità Zombi. Importante, però, si è rivelata la dichiarazione che: Call Of Duty Cold War sarà…

[…]Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi