Scarlett Johansson, protagonista di Black Widow, ha ricordato le versioni alternative del film su Natasha Romanoff, emerse nel corso degli anni.

Scarlett Johansson ha parlato delle versioni alternative di Black Widow, il primo film Marvel incentrato su Natasha Romanoff che la vede protagonista, disponibile al cinema e su Disney+.

Black Widow: Scarlett Johansson in una scena

Dopo una lunga attesa, finalmente Black Widow è arrivato nelle sale. L’attrice protagonista del film, Scarlett Johansson, ha debuttato nel Marvel Cinematic Universe in Iron Man del 2012 e finalmente può godersi un film tutto suo, ambientato tra le vicende di Captain America: Civil War e Avengers: Infinity War. La versione di Black Widow attualmente disponibile anche su Disney+ Premier Access affronta il tema della famiglia ed include la reunion di Natasha con la sua “sorellina”, la vedova nera Yelena Belova (Florence Pugh).

Il fatto che il film solista su Black Widow sia arrivato con così tanti anni di ritardo rispetto all’esordio del personaggio di Johansson ha fatto sì che nella mente dei produttori Marvel prendessero forma diverse versioni dell’opera. “Avremmo potuto fare qualche altra versione di questo film lungo la strada. Semplicemente, però, non sarebbe stato questo film“, ha detto Johansson a MTV News a proposito del film diretto da Cate Shortland. “Non avevo lo stesso decennio da cui attingere. Questo film ha avuto molte iterazioni diverse. Non era una storia che eravamo obbligati a raccontare, quindi sai, è iniziata diversamente, e c’era una versione che era molto status quo“.

Per quanto riguarda una delle prime versioni, Johansson ha rivelato: “Yelena e Natasha erano avversarie e Yelena cercava di detronizzarla, come qualunque tipo di versione di spionaggio. Io ero tipo, ‘Non posso tornare a lavorare per questo’. E poi c’era un’altra versione che avevo sviluppato che era davvero esistenziale, un po’ strana. E Kevin Feige mi diceva. ‘Non credo di poter lavorare per questo’. Era strano ma a me piaceva“.

Black Widow: Scalett Johansson e Florence Pugh in una scena

Alla fine, Black Widow rappresenta un mid-quel in cui vediamo una Natasha fuggitiva, in fuga da Thaddeus Ross (William Hurt) per aver violato gli Accordi di Sokovia. Quando nasce una pericolosa cospirazione legata al suo passato, Natasha si riunisce con la sua famiglia: la “sorellina” Yelena, la loro “madre” Melina Vostokoff (Rachel Weisz) e il loro “padre”, il super soldato russo Alexei Shostakov (David Harbour). “Kevin ha avuto l’idea di fare questo film sulla famiglia di Natasha. Voleva che parlasse di famiglia, una sorta di famiglia disfunzionale. Si è svegliato un giorno e quella era la sua idea“, ha detto Johansson, aggiungendo: “Mi ci è voluto molto tempo per capirlo ma non credo che saremmo stati in grado di arrivare dove siamo arrivati ​​se lo avessimo fatto in qualsiasi altro momento. Non c’era altro modo di esplorare tutta quella storia senza sapere le cose che invece sapevamo dopo 10 anni“.

[…]

Leggi di più su movieplayer.it

Articolo precedenteBlack Widow: la video intervista a David Harbour
Articolo successivoBlack Widow: 5 easter egg sul film
Blue Collar Gaming & Nerd Neutrality. Absolutegamer è un collettivo di fighissimi mediamente asociali con una certa passione per il gaming unita alla cultura nerd snobbissima tipica dei genxer. Nerd neutrality è una espressione completamente inventata che potrebbe stare a indicare il giusto equilibrio tra le anime pop e più raffinate della cultura nerd e geek come vengono percepite da chi le ha viste letteralmente nascere, oppure assolutamente niente ma suona veramente bene.

Rispondi