Florence Pugh ha recentemente ringraziato pubblicamente la sua “incredibile” controfigura di Black Widow pubblicando un video sul suo profilo Instagram.

Florence Pugh, l’attrice che interpreta la “sorellina” di Scarlett Johansson nei panni di Natasha Romanoff, in Black Widow, ha recentemente scelto Instagram per elogiare e ringraziare pubblicamente, attraverso un video, la sua controfigura personale: Michaela McAllister.

Black Widow: Florence Pugh in una scena

Questa è @kella.mcallister, la numero uno.” Ha scritto la Pugh nella didascalia. “Ci siamo incontrati prima dell’inizio delle riprese di Black Widow: dovevo imparare a diventare un’assassina molto rapidamente e lei mi ha aiutato in questo. Era con me ogni giorno, mentre imparavo il kickboxing con @troystunt e mentre perfezionavo le coreografie di @jyou10.

Ci allenavamo ogni mattina insieme ad altre stunt women fantastiche che erano molto coinvolte e desideravano aiutarmi. Lei mi osservava continuamente e mi aiutava a capire tutto ciò che non comprendevo. Non ho mai pensato che la relazione tra me e una stunt woman potesse essere così meravigliosa.” Ha continuato Florence.

Mi ha incoraggiata ed aiutata dentro e fuori dal set, mi ha insegnato a fare cose che non credevo di poter fare e, soprattutto, voleva che comprendessi perché Yelena si muove in quel modo così peculiare.” Ha spiegato l’attrice. “Ad essere onesti, questa è stata una delle parti più belle di questo film.”

Black Widow: Scalett Johansson e Florence Pugh in una scena

Florence Pugh, a proposito della McAllister, sua amica e controfigura in Black Widow, infine, ha dichiarato: “Avere questa donna fantastica e incredibilmente talentosa al mio fianco, che mi ha aiutata a realizzare ciò che io e tutti gli altri avevamo in mente per Yelena. Lei è una campionessa e averla incontrata è stata una fortuna per me. Spero di riuscire a lanciare coltelli contro scatole di cartone con te al più presto e spero di poter continuare ad imparare da te tutto quello che posso. Grazie coniglietta. Sei una leggenda.”

[…]

Leggi di più su movieplayer.it

Rispondi