Con Battlefield 6 che si avvicina rapidamente, la star di YouTube e esperto di battle royale Dr Disrespect crede che un nuovo tentativo di EA potrebbe ravvivare il genere e resistere a Call of Duty: Warzone di Activision.

Sono passati poco più di due anni dall’uscita dell’ultimo titolo di Battlefield. Nonostante il tentativo di capitalizzare l’hype del genere battle royale nel 2018, la modalità “Firestorm” di EA non ha centrato l’obiettivo con Battlefield 5.

La modalità ha portato i giocatori nella “mappa più grande di sempre di Battlefield” e ha fornito tutti gli strumenti familiari di distruzione. Eppure i tantissimi bug e una base di giocatori non proprio numerosissima hanno penalizzato la modalità nel giro di pochi mesi.

Con Battlefield 6 EA vuole riprovarci e nessuno sembra più entusiasta di Dr Disrespect.

Sappiamo per certo che Battlefield 6 ha come obiettivo un lancio nel 2021. Con questo in mente, Dr Disrespect si è mostrato parecchio entusiasta quando ha discusso del potenziale del gioco durante un recente streaming su YouTube.

Mi sento come se … EA stesse lavorando a una fantastica esperienza battle royale con l’IP di Battlefield“, ha detto lo streamer.

Nonostante il primo tentativo non sia andato a buon fine, crede che una nuova versione della modalità potrebbe rimettere in pista il titolo.

EA e Activision competono direttamente nel genere FPS.” Con una nuova BR, lo streamer crede Battlefield abbia il potenziale per competere direttamente con Warzone.

Sono entusiasta perché il loro motore, con tutti gli strumenti e la tecnologia che hanno a disposizione … potrebbe fare qualcosa di incredibile se ci mettessero tutto dentro.”

Con un enorme numero di giocatori, una vasta gamma di veicoli e la distruttibilità (marchio di fabbrica di Battlefield), la ricetta per una BR di successo sembra a portata di mano, secondo Dr Disrespect.

È solo questione di tempo prima che EA sveli il suo prossimo titolo AAA e, molto probabilmente, la sua battle royale.

Fonte: Dexerto.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi