Cerca
Close this search box.
Baldur's Gate 3, Not Starfield, Is The Next Skyrim

Baldur’s Gate 3, non Starfield, è il nuovo Skyrim

Tempo di lettura: 3 minuti
Baldur's Gate 3, Not Starfield, Is The Next Skyrim

Baldur’s Gate 3 ha spostato la sua data di uscita per uscire dall’ombra incombente di Starfield. Non voleva confrontarsi con il primo nuovo gioco di ruolo di Bethesda dopo quasi dieci anni, che veniva già definito “il prossimo Skyrim“. Tutto lasciava presagire che sarebbe stato un colosso pieno di scoperte che sarebbero state svelate nei decenni a venire.

Neanche sei mesi dopo è già meno rilevante del suo predecessore del 2011, uscendo dallo Zeitgeist con la stessa rapidità con cui è arrivato. In uno strano colpo di scena, il cRPG a sorpresa di Larian Studios si è preso il mantello di “prossimo Skyrim”, nonostante si sia timidamente allontanato per fare spazio all’epopea delle carenature spaziali.

Starfield ha fallito per molte ragioni. È datato, sembra più adatto a giochi di due generazioni fa; le “infinite possibilità” offerte dalla sua galassia esplorabile sono poco profonde, ripetitive e poco interessanti; l’esplorazione è meno gratificante rispetto ai mondi aperti e più stretti del passato di Bethesda e il combattimento è, come sempre, una faticaccia, ma questa volta senza nulla che lo sostenga.

Baldur’s Gate 3, invece, è un RPG innovativo e rinfrescante, con alcuni dei personaggi più ricchi del genere e mappe incredibilmente dettagliate e piccole, piene di segreti. Le persone continuano a scoprire cose nuove, a trovare modi unici per superare i combattimenti con i boss e le missioni e a imparare i segreti di Dungeons & Dragons in modo intuitivo e facile da digerire.

A mezzo anno dal lancio, il gioco raggiunge ancora picchi di oltre 100.000 giocatori ogni 24 ore (rispetto ai 7.000 di Starfield), con una comunità vivace e desiderosa di condividere le proprie scoperte, innamorandosi di ogni singolo personaggio del proprio gruppo. È un gioco di cui si parlerà per anni, anche se non è stato costruito in questo modo.

Baldur’s Gate 3 non ha mai avuto l’ambizione di essere un gioco di ruolo decennale che attraversa le generazioni, mentre Starfield sì. Lo dimostra il design, con innumerevoli pianeti vuoti sparsi tra le stelle come sandbox per i modder. Non è certo il più coinvolgente per il giocatore medio. C’è poi la stessa enfasi sulla costruzione di Fallout 4, con l’aggiunta della modalità NG, per cercare di forzare il valore di rigiocabilità, mentre il marketing ti inculca l’idea che questo è il “prossimo Skyrim” prima ancora che tu possa metterci le mani sopra.

Non è mai stato organico, non riuscendo a capire cosa ha reso Skyrim un tale successo in primo luogo.Skyrim, come Baldur’s Gate 3, non è mai stato progettato per essere un gioco di ruolo decennale. La comunità di modding è nata in modo naturale, non costruendo su distese vuote di terreno ma aggiungendo alle basi già stellari il proprio marchio sul mondo.

La terra vuota di Starfield è molto meno personale e invitante: non c’è la spinta a ritagliarsi un’identità su una roccia desolata, mentre il ricco mondo di Skyrim ha invitato la comunità a costruire intere città, a intrecciare nuovi compagni nella storia e a espandere la tradizione che si desiderava approfondire. Non stavano riempiendo uno spazio per Bethesda, ma stavano iterando su ciò che amavano.

Starfield Sam Coe and player at Waggoner Farm

Allo stesso modo, Baldur’s Gate 3 non ha lasciato campi vuoti da riempire per i modder, ma ha creato con cura un mondo a cui le persone tenevano così tanto da volerlo ampliare. Non è una sorpresa che sia uno dei giochi più moddati di tutti i tempi a meno di un anno dal lancio, con il progetto di portare il modding su console, come fece Skyrim tanto tempo fa. Stiamo assistendo alla stessa storia 13 anni dopo, con una serie completamente diversa: Baldur’s Gate 3 ha costruito organicamente una comunità che ci tiene, piuttosto che sperare di soddisfare gli azionisti replicando lo stesso successo, inseguendo innanzitutto i numeri.

Starfield è clinico. Tutto sembra essere stato sottoposto a dieci focus group nel disperato tentativo di catturare la magia di un’epoca passata. Skyrim si è guadagnato il successo e l’ammirazione grazie alla creazione di un mondo delicato in cui ogni centimetro ha un valore, e Baldur’s Gate 3 non solo cattura questo spirito, ma ha riscosso lo stesso successo. Parleremo dell’avventura di Larian Studios nella Costa della Spada tra dieci anni, ma dubito che Starfield sarà qualcosa di più di un brutto ricordo.

Baldur's Gate 3 Cover-1 Baldur’s Gate 3

Baldur’s Gate 3 è il tanto atteso capitolo successivo della serie di giochi di ruolo basati su Dungeons & Dragons. Sviluppato da Larian Studios, creatore di Divinity, ti mette al centro di un’invasione di mind flayer a Faerûn, oltre un secolo dopo gli eventi del suo predecessore.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti