A marzo, Ubisoft aveva annunciato che i giocatori sarebbero stati catapultati in Irlanda grazie al DLC Wrath of the Druids per Assassin’s Creed: Valhalla. L’espansione standalone doveva essere lanciata il 29 aprile e fornire ai giocatori tonnellate di nuovi contenuti da giocare. Tuttavia, Ubisoft ha annunciato oggi che ha deciso di spostare la data di lancio al 13 maggio.

Attualmente, il team non ha annunciato il motivo esatto di questo ritardo. Tuttavia, hanno detto che stanno mettendo insieme un comunicato “per fornire trasparenza” sulla decisione. Condivideranno anche alcune informazioni interne sul processo di sviluppo del team, che potrebbe darci un’idea di quando aspettarci ulteriori DLC.

Sicuramente i ritardi sono diventati la norma nell’ultimo anno, date le conseguenze della pandemia nel mondo, quindi questa non è la notizia più scioccante che potreste ricevere. Diciamo che un ritardo di due settimane per un DLC è tutt’altro che la cosa peggiore successa nell’universo videoludico tra il 2020 e il 2021.

Una volta che Wrath of the Druids uscirà, i giocatori potranno esplorare “i segreti di una misteriosa setta antica”. Aspettatevi di addentrarvi in foreste spettrali mentre svelate misteri e vi fate strada nella nuova zona. Quindi, mentre il ritardo è ovviamente una triste notizia per i fan, varrà comunque la pena aspettare.

Fonte: Gamepur

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi