Anthem verrà ricordato per sempre come uno dei tripla-A più sfortunati degli ultimi anni: presentato in pompa magna come il prossimo grande progetto di Bioware ed Electronic Arts, non ha saputo ritagliarsi una grossa audience, diventando una pesante delusione per tutti i fan e sprofondando nel dimenticatoio dopo pochi mesi.

Nonostante il chiaro disinteresse da parte del pubblico, Bioware non ha voluto gettare la spugna su Anthem, annunciandone un rinnovo completo mirato a rinvigorirne il gameplay, il post-game e tutti gli aspetti più deludenti del titolo. Tale rinnovo sarebbe giunto, sotto forma di update, con il nome di Anthem Next.

Qualche giorno fa, il noto giornalista Jason Schreier ha dichiarato che Electronic Arts avrebbe deciso, proprio questa settimana, se Anthem Next avrebbe continuato a vivere, oppure no. In poche parole, in questo momento si sta votando per la vita o la morte dell’intero progetto.

Questi ultimi momenti sono stati comprensibilmente duri per quei pochi giocatori che ancora continuano a supportare Anthem, pertanto, per farsi coraggio, questi fan hanno deciso di mostrare la propria vicinanza agli sviluppatori, condividendo su Twitter l’hashtag #IBelieveInAnthem.

Bioware, ovviamente, non può rispondere direttamente ai messaggi dei fan, soprattutto quando le trattative con EA sono ancora in corso. Tuttavia, Schreier ha confermato che il team ha visto tutti i commenti incoraggianti e li ha enormemente apprezzati.

Visto che le persone se lo stanno chiedendo, non penso che riceveremo notizie di Anthem Next prima della prossima settimana. Il gioco rimarrà nel limbo ancora per un po’. Tuttavia, i ragazzi che stanno lavorando sul gioco hanno incredibilmente apprezzato tutti i tweet di #IBelieveInAnthem pubblicati dai fan che sperano in una redenzione.“.

Anthem avrà anche fallito con l’audience mainstream, ma una nicchia solida e compatta è riuscita fortunatamente a crearsela: basterà questo per convincere EA a finanziare il progetto Next?

Fonte: Twitter

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi