Cerca
Close this search box.
Another Code: Recollection review: leaving a lasting memory

Another Code: Recollection mi ha lasciato un’impressione duratura che sicuramente manterrà viva la mia memoria della serie perduta

Tempo di lettura: 5 minuti
Another Code: Recollection review: leaving a lasting memory

“Questo non è ciò che ricordo di aver giocato sul Nintendo DS quando ero bambino.”

È quello che mi sono ritrovato a dire mentre giocavo nelle prime ore di Another Code: Recollection, un remake per Nintendo Switch di due giochi cult classici. Questo non era una cosa negativa. Mi sono sentito a mio agio con Recollection e la sua presentazione visiva rinnovata, mentre il formato point-and-click e la prospettiva isometrica dall’alto verso il basso dell’originale mi sembravano sconosciuti e intimidatori da adolescente.

Da ragazzo che aveva difficoltà a giocare a giochi leggermente più complessi come Advance Wars , Another Code: Two Memories era appena abbastanza semplice per permettermi di arrivare alla fine. Ricordo di aver apprezzato il tempo trascorso con esso, ma era anni fa. Sostituirà Recollection i ricordi della mia infanzia o li rispecchierà rispettosamente?

Ho avuto un’esperienza molto più fluida con Recollection, anche se inizialmente pensavo fosse solo perché ora ho molta più esperienza di gioco alle spalle. Ma Nintendo e lo sviluppatore Cing hanno adottato un approccio diverso per questo remake. Si tratta di una rivalutazione molto più adatta alle famiglie di due grandi giochi Nintendo, con nuove opzioni di gioco e puzzle molto più facili. Anche se ciò toglie un po’ di tensione all’avventura, la raccolta colpisce emotivamente ancora di più, grazie a alcuni radicali cambiamenti nella storia. Posso già dire che ricorderò Recollection con maggiore affetto rispetto agli originali, mantenendo viva la memoria di due giochi perduti.

Due memorie in una

Another Code: Recollection è un remake per Nintendo Switch del 2005 Another Code: Two Memories per il Nintendo DS e del seguito diretto del 2009, Another Code: R — A Journey into Lost Memories per Nintendo Wii. Le avventure misteriose ruotano attorno a Mizuki Robbins, una giovane ragazza adolescente che si dirige verso Blood Edward Island nel suo primo viaggio per trovare suo padre. Lì incontra un giovane fantasma di nome D, che non ha alcun ricordo del suo passato quando era vivo. In cambio di aiutare a recuperare i suoi ricordi, guida Mizuki attraverso la tenuta Edward per aiutarla a trovare suo padre.

Another Code: Recollection
Nintendo

Le personalità di D e Mizuki si completano, poiché il primo fornisce alla seconda la fiducia in se stessa per andare avanti quando la situazione attuale sembra disperata. Tuttavia, la prima avventura, Two Memories, sembra più un prologo esteso che un gioco completo; può essere completata in meno di cinque ore. È una storia ben contenuta con sia D che Mizuki che si sviluppano come personaggi al termine, ma Mizuki appare incompleta come personaggio alla fine del suo elegante svolgimento.

Ecco dove il secondo capitolo, A Journey into Lost Memories, colma il vuoto. Mettendo insieme entrambi i giochi in un unico pacchetto, questo sembra il modo definitivo per vivere le storie di Mizuki e, di conseguenza, molto più completo. Questo seguito si svolge due anni dopo gli eventi del primo gioco e amplia notevolmente l’arco narrativo di Mizuki. In particolare, apprendiamo che Mizuki ama suonare la chitarra, un nuovo lato artistico di lei che non era presente nel primo gioco.

In questa occasione, Mizuki ritorna al Lago Juliet per svelare il mistero che circonda sua madre. Journey into Lost Memories è quasi il doppio più lungo del primo gioco e, di conseguenza, ha molto più tempo morto. Quando le posta non sono così alte all’inizio del gioco, utilizza intelligentemente i momenti più calmi per far interagire Mizuki con gli altri personaggi di supporto.

Lascia un’impressione molto più emotiva.

Ad esempio, Mizuki non va d’accordo con la ragazza viziata Elizabeth Alfred. Tuttavia, scoprono di avere molte cose in comune, come il loro amore condiviso per la musica. Elizabeth è anche una cantante, e entrambe bramano l’amore delle loro madri. Questi momenti teneri fanno apparire Mizuki come un personaggio molto più sviluppato rispetto a quanto fosse nel primo gioco.

Memories sembrava una storia quasi un’opera su copia dell’originale, mentre A Journey into Lost Memories ha subito un’ampia reinterpretazione. Senza entrare nei dettagli, le riscritture di certi personaggi ed elementi della storia servono meglio i suoi temi di perdita e dolore rispetto a quanto facesse il gioco originale di Wii – lascia una maggiore impressione emotiva.

Nuovi puzzle per una nuova era

Il gameplay di Recollection ruota attorno all’esplorazione che porta i giocatori a cercare indizi per risolvere i puzzle. Questi possono essere semplici come mettere un gruppo di bambole nell’ordine corretto o abbinare determinati simboli sulle porte. Come sistema di gioco guida, i puzzle forniscono un coinvolgimento sufficiente a ciò che altrimenti sarebbe un gioco narrativo diretto o un romanzo visivo.

Il problema più grande di Recollection è che i puzzle non sono realmente impegnativi. Anche se non insultano necessariamente l’intelligenza come quelli in Detective Pikachu Returns, a volte mi chiedo se alcuni di essi siano lì solo per intromettersi nel mio progresso nella storia, dato che molti di essi sono piuttosto facili. Questo sottolinea il fatto che Recollection si orienta maggiormente verso un pubblico familiare.

Another Code: Recollection puzzle
Recollection offre anche nuove opzioni di gameplay che forniscono direttamente ai giocatori le risposte ai puzzle. Inoltre, c’è un’opzione per mostrare un indicatore di direzione che specifica esattamente quale oggetto o area deve essere interagito successivamente per progredire. Fortunatamente, i giocatori possono attivare e disattivare queste opzioni se non vogliono essere così guidati. Nonostante la mancanza di sfida, ho trovato queste opzioni estremamente utili poiché ho finito per dare priorità alla storia rispetto alla risoluzione dei puzzle. Le nuove opzioni aiutano a eliminare qualsiasi attrito per coloro che desiderano semplicemente godersi il lato superiore del romanzo visivo dei giochi.

Una nuova tela

Mentre il primo gioco sul DS utilizzava una vista isometrica dall’alto verso il basso e il secondo gioco su Wii utilizzava modelli tridimensionali che si muovevano su un piano bidimensionale. Recollection sostituisce completamente tutto ciò con una prospettiva in terza persona, come vedresti in giochi come Life is Strange. Funziona per lo più, sebbene con alcune transizioni incerte; ho notato che la telecamera è troppo vicina alla schiena di Mizuki, rendendo un po’ frustrante muoversi intorno.

Another Code: Recollection Back Camera
Tuttavia, questa radicale trasformazione aiuta a modernizzare la presentazione di Recollection. La tenuta Edward e le aree circostanti intorno al Lago Juliet sembravano piatte nei loro giochi originali. Anche se ciò è stato in parte migliorato, gli ambienti continuano a sembrare opachi rispetto ai brillanti modelli dei personaggi. Tuttavia, l’esplorazione a 360 gradi di Recollection amplifica l’vuotà della tenuta Edward e la serenità del Lago Juliet. Durante la prima, ho avuto la sensazione di attraversare una versione molto più familiare della sinistra Tenuta Spencer di Resident Evil.

Anche i personaggi sembrano fantastici con il loro bellissimo stile artistico in cel-shading. La loro espressività aggiunge davvero vita e peso emotivo alla storia. L’arte in 2D non è da meno, poiché lo stile acquerellato dei ritratti dei personaggi è altrettanto eccellente quanto i modelli tridimensionali in cel-shading. Recollection aggiunge anche doppiaggio completo, mentre gli originali non ne avevano. Ciò crea un livello completamente nuovo di narrazione e immersione che prima non c’era.

Se finisce per essere un elogio per una serie trascurata, allora sono in pace con la raccolta come addio.

Another Code: Recollection mi ha lasciato un’impressione duratura che sicuramente manterrà viva la memoria dei giochi originali, anche se la nuova uscita non riflette esattamente gli originali. È un modo appropriato per lasciarli, considerando che la grande conclusione di Recollection è che anche quando qualcuno è fisicamente scomparso, i nostri ricordi di loro possono ancora tenerli vivi. Certo, è un’esagerazione dire che le versioni originali DS e Wii siano veramente morte, ma sono inaccessibili in qualche modo, considerando che richiedono hardware datato. Recollection rende omaggio alla serie, apportando cambiamenti significativi senza sovrascrivere completamente i miei cari ricordi degli originali. Se finisce per essere un elogio per una serie trascurata, allora sono in pace con la raccolta come addio. Ma spero di poter creare nuovi ricordi con Mizuki in futuro.

Leggi di più su www.digitaltrends.com

Potrebbero interessarti