Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Activision Blizzard è stata accusata di discriminare i “vecchi bianchi”

Tempo di lettura: 2 minuti

Un ex dirigente di Activision Blizzard ha presentato una denuncia per discriminazione nei confronti dell’azienda, accusandola di discriminare i “vecchi maschi bianchi”.

Come riportato da Law360 e rilevato dal nostro sito gemello GamesIndustry.biz, la denuncia include accuse contro l’ex CEO Bobby Kotick per le osservazioni fatte durante una non meglio specificata conferenza della dirigenza in cui avrebbe detto che il “problema” di ABK è che “ci sono troppi vecchi bianchi”.

 

La denuncia – presentata da un uomo bianco di 57 anni che ha lavorato nell’azienda dal 2014 fino a quando non è stato licenziato nell’ambito della ristrutturazione dell’azienda alla fine del 2023 – afferma che poco dopo aver sentito questi commenti, un paio di dirigenti bianchi se ne sono andati “sulla base, almeno in parte, delle osservazioni ageiste di Kotick”, aggiungendo che “Activision ha anteposto i profitti alle persone licenziando i dirigenti più anziani e più pagati”.

Il dirigente sostiene di essere stato scartato per una promozione dopo che i suddetti dirigenti si sono licenziati, nonostante fosse stato raccomandato per la posizione, e afferma che il dipendente più giovane e non bianco che è diventato il suo manager ha creato un ambiente di lavoro ostile, che ha influito negativamente sull’aumento di stipendio basato sul merito del dipendente.

Il dirigente ha quindi presentato un reclamo alle Risorse Umane, accusando l’azienda di non aver “protetto Plaintiff dalle accuse discriminatorie e diffamatorie” dei suoi colleghi, ma afferma che il suo reclamo è stato “ignorato e non è stato preso sul serio”.

Quando il querelante è stato licenziato da un team di 200 persone nell’agosto del 2023, afferma di essere uno dei sette uomini di età pari o superiore a 47 anni che sono stati licenziati in quel momento.

Il querelante sostiene inoltre che l’azienda ha violato le leggi californiane sulla protezione degli informatori.

L’uomo che ha avviato l’azione legale chiede il risarcimento dei mancati guadagni e dei danni alla reputazione, lo stress emotivo, il licenziamento illegittimo e i danni per il presunto impatto negativo che questo ha avuto sul suo avanzamento di carriera. Si aspetta inoltre che ABK paghi le sue spese legali.

Dopo la sua segnalazione, GI.biz è stato contattato da Activision Blizzard e ha fatto riferimento alla sua politica di pari opportunità di lavoro.

Il mese scorso, Activision Blizzard ha accettato di pagare oltre 44 milioni di sterline per risolvere una causa per discriminazione sessuale nel 2021.

A seguito di un accordo stipulato con il Dipartimento per i Diritti Civili della California (CCRD) in merito a pratiche di impiego diseguali sulla base del sesso, la megacorp ha accettato di pagare 44,1 milioni di sterline (56 milioni di dollari) per risolvere i reclami relativi a pratiche di retribuzione e promozione diseguali tra il 2015 e il 2020. 36,85 milioni di sterline (46,75 milioni di dollari) saranno suddivisi tra le donne che sostengono di essere state pagate ingiustamente, mentre 7,1 milioni di sterline (9,1 milioni di dollari) serviranno a coprire le spese legali associate.

Leggi di più su www.eurogamer.net

Potrebbero interessarti