Activision-Blizzard ne è sicura: siamo ormai prossimi all’arrivo del fantomatico Metaverso, ovvero all’universo virtuale condiviso dove gli utenti possono interagire e “vivere”. Questa è la convinzione del CEO della compagnia, Bobby Kotick.

In una nuova intervista pubblicata su GamesBeat, Kotick sostiene che l’industria tecnologica sta compiendo dei passi da gigante nel campo dell’AR e della VR e ormai è solo questione di tempo, prima di avere un’esperienza digitale immersiva come quella vista nel famoso film Ready Player One.

Ripensando agli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, persone come Ted Nelson stavano già articolando una visione per il meta-verso. Alan Kay, che era allo Xerox Palo Alto Research Center e poi è diventato capo scienziato presso Atari, aveva questo progetto chiamato Vivarium all’inizio degli anni ’80 che era il principio dell’idea di una simulazione vivente, in cui avresti sia contenuti generati da utenti, sia prodotti professionalmente, un’esperienza di simulazione estremamente ricca dove puoi vivere, giocare e, potenzialmente, anche lavorare.” .

Penso che stiamo iniziando ad avvicinarci molto all’idea di un vero Metaverso in cui hai, cosa più importante a mio avviso, questa continua connessione sociale. Quando pensi a cosa accadrà con l’AR e la VR nei prossimi 10 anni, la potenza di elaborazione locale e la capacità di elaborazione distribuita sotto forma di streaming, presto arriveremo a un punto in cui quella visione originale che Neil Stephenson aveva in Snow Crash o quello che vedi in Ready Player One, inizierà a materializzarsi come qualcosa di molto reale. Penso che stiamo rapidamente progredendo verso quella visione, come una legittima esperienza di mercato mainstream.“.

La visione di Kotick è chiara e ottimistica, oltre che identica all’idea che Epic Games ha di Fortnite, ovvero la trasformazione di un’esperienza nata come semplice gioco, in un vero e proprio Metaverso.

La domanda è: sarà veramente così? La tecnologia sta effettivamente avanzando in maniera impressionante e quello che sembrava impossibile fino a qualche anno fa, ora è a disposizione di diversi utenti nelle proprie abitazioni.

Cosa ne pensate? Secondo voi il Metaverso è veramente vicino?

Fonte: GameSpot

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi