Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
Six months later, Starfield's modding scene has yet to take off

A sei mesi di distanza, la scena del modding di Starfield non è ancora decollata

Tempo di lettura: 5 minuti
Six months later, Starfield's modding scene has yet to take off

Poco dopo l’uscita di Starfield, la scorsa estate, le mie prime discussioni con amici e colleghi sul suo futuro tendevano ad essere positive. Entro sei mesi, speravamo, il cosmo vuotodi Starfield non sarebbe stato più così vuoto grazie alla stessa fiorente scena di modding che ha reso giochi come The Elder Scroll V: Skyrim così intramontabili.

A prescindere dal fatto che fossimo o meno ottimisti all’epoca, le nostre previsioni sono state per lo più disattese.

Sì, una comunità di modding di discrete dimensioni è emersa rapidamente a settembre e da allora ha continuato a sfornare nuove caratteristiche tecniche e mod sostitutive di contenuti per la versione PC di Starfield. Al momento della stesura di questo articolo, Starfield Nexus conta oltre 6.641 mod individuali. Ma sono passati sei mesi dall’uscita di Starfield e non si è più parlato del tanto atteso Starfield Creation Kit 2 che, a parte qualche sussurro sui test chiusi del Creation Kit su r/Starfield, sembra ancora lontano anni luce.

A preview of the Narwhal ship in Starfield.
Come per i titoli Bethesda del passato, il Creation Kit 2 sarà uno strumento necessario per la longevità, in quanto consentirà agli utenti PC di generare mod che popoleranno sia la versione Xbox che quella PC di Starfield con nuove missioni, aree, PNG, oggetti, astronavi, incontri di combattimento e intere trame.

Tuttavia, con le tante turbolenze che circondano la reputazionedi Starfield tra i fan – tra cui alcuni dei modder più famosi dei giochi Bethesda del passato che hanno rinunciato del tutto al loro supporto – sono almeno un po’ preoccupato di sapere se riuscirà o meno a raggiungere la longevità per cui è stato apparentemente progettato.

Un numero di giocatori in calo

Gran parte del mio entusiasmo iniziale per Starfield si basava, è vero, sul presupposto che tutti i giochi Bethesda alla fine promuovono vivaci comunità di modding. Pensavo che i modder sarebbero arrivati inevitabilmente a correggere le parti di Starfield che non mi piacevano e a completare il resto. Immagino che anche un numero ragionevole di persone coinvolte nella produzione del gioco si basino su questo presupposto di base, considerando che le mod sono ciò che rende i giochi Bethesda così intramontabili. Ma cosa succede quando non ci sono abbastanza giocatori o fan interessati a mantenere in vita un gioco come Starfield?

Un tempo era impensabile che il gioco Bethesda più atteso di tutti i tempi potesse, ad esempio, perdere il 97% della sua base di giocatori su Steam nei primi sei mesi. Questo dato lo colloca ben al di sotto del numero di utenti contemporanei di The Elder Scrolls V: Skyrim, che è ancora il gioco di ruolo Bethesda di maggior successo commerciale e di critica mai realizzato, nonostante sia stato rilasciato quasi 13 anni fa. Questo è in parte merito della robusta scena di mod di Skyrim (che ha una propria pagina di Wikipedia), i cui membri producono costantemente nuove cose che vale la pena controllare. Tra questi c’è The Forgotten City, un gioco pluripremiato nato da un’enorme questline di Skyrim.

NPC dialogue on Neon in Starfield.
Poiché non esistono ancora strumenti di modding ufficiali per Starfield, è estremamente plausibile che la sua scena di modding abbia bisogno di più tempo per maturare prima che si possa dire se Starfield sia o meno un flop. Inoltre, i dati sul numero di giocatori possono essere fuorvianti se presi fuori dal contesto. Starfield è un gioco per un solo giocatore che contiene solo una determinata quantità di materiale e, comprensibilmente, il suo numero di giocatori contemporanei è destinato a oscillare nel tempo.

Ma allo stesso tempo, Starfield si trova ad affrontare una sorta di problema “dell’uovo e della gallina”. Disperdendo i suoi contenuti di base nei Sistemi Insediati intergalattici e consegnando ai giocatori delle astronavi con cui esplorarli, è stato chiaramente progettato con l’aspettativa che i giocatori vogliano intrinsecamente riempire quello spazio con le loro idee. Questo diventa un punto morto se l’universo stesso è poco stimolante e non riesce a catturare abbastanza immaginazione per riempire il vuoto, finendo per collassare su se stesso come un buco nero piuttosto che illuminare la strada per il gioco e i suoi fan.

Starship hovering over a planet in Starfield.
Per fare un esempio, Skyrim è stato lanciato con una storia più articolata, più contenuti e un mondo più grande rispetto a Fallout 4, che si è dilettato con un protagonista con voce piena e una storia urgente ma ridicolmente disarticolata che chiedeva comunque ai giocatori di costruire i propri insediamenti a mano in una landa desolata. In seguito, la personalità eccentrica, la lunga storia e il dettagliato sistema di costruzione degli insediamenti di Fallout 4 sono molto più definiti di quelli di Starfield. Tutto questo sembra una deliberata regressione creativa, in cui Bethesda si è gradualmente orientata a riempire i suoi giochi con spazi più vuoti che la comunità creativa può riempire.

Questo sentimento si riflette già nell’attuale discorso di Starfield, dove – soprattutto alla luce del poco supporto post-lancio di Bethesda – molti ritengono che lasci troppo spazio a contenuti e funzionalità che ancora non esistono. Nel frattempo, fornisce troppo poco supporto per riempire quello spazio, rendendo il suo vuoto opprimente e la sua generale mancanza di identità fuori luogo per i nuovi giocatori e per quelli che ritornano.

Probabilmente l’universo di Starfield verrà presto riempito

Anche se l’anniversario di sei mesi di Starfieldsembra sgonfiarsi, non sono del tutto convinto che tutte le speranze siano perse per il futuro del gioco spaziale. Dopo tutto, siamo solo a marzo.

Il modding è una parte fondamentale dei moderni giochi di ruolo di Bethesda e lo studio rende consapevolmente facile la produzione di contenuti generati dagli utenti continuando a supportare il motore iper-modulare ma controverso di Gamebryo, cosa che probabilmente non farebbe se non ci fosse un piano più grande. Dopotutto, Phil Spencer ha precedentemente dichiarato che Starfield è destinato a essere supportato per almeno un decennio. Anche dopo che Bethesda ha diviso a metà il suo team principale per aumentare il supporto a The Elder Scrolls VI, il team di 250 persone che sta ancora lavorando alle prossime espansioni, alle patch e al Creation Kit 2 di Starfield non è niente di preoccupante.

Starfield planets
Inoltre, gli oltre 1.000 pianeti generati proceduralmente di Starfieldsono ancora potenzialmente eccitanti da esplorare sulla carta, grazie ai suoi profondi sistemi di abilità e alle sparatorie in prima persona ad alta velocità. A parte le preoccupazioni per la debolezza della storia diStarfield e per i viaggi spaziali poco impressionanti, questi mondi potrebbero ipoteticamente offrire ai creatori un sacco di spazio per inventare le proprie avventure spaziali, rendendolo il titolo Bethesda più mod-friendly nella storia del futuro.

Credo sia lecito supporre che Bethesda abbia voluto riempire un po’ di questo spazio vuoto con i suoi pacchetti di espansione (come Shattered Space) prima di dare ai modder l’intera gamma di strumenti creativi. E con altri sei mesi di tempo, chi lo sa? Forse ci troveremo a giocare a uno Starfield completamente diverso , che sembra esattamente vasto ed eccitante come speravamo che fosse durante il suo ciclo di hype della scorsa estate.

Leggi di più su www.digitaltrends.com

Potrebbero interessarti