Anche questo mercoledì, SonyNaughty Dog hanno pubblicato un nuovo episodio della serie di video dietro le quinte di The Last of Us – Part II. Questa volta, il terzo episodio è dedicato a chi ama andare dietro i dettagli delle tecnologie e dei lavori svolti per rendere realtà il ritorno di Ellie – e arriva a poche ore dallo State of Play dedicato.

Nel video, il direttore Neil Druckmann ha spiegato quanto il team si sia documentato anche “solo” per affrontare la tematica di vendetta e giustizia – che come abbiamo visto permeerà il viaggio della nostra protagonista, in qualche modo intrappolandola in un ciclo di violenza.

Tra libri, documenti di riferimento, fatti di cronaca, il team ha continuato a interrogarsi su come prendere la realtà e farne una risorsa per il suo nuovo videogioco.

«Spero che con questo titolo riusciremo a creare i personaggi più autentici che abbiate mai visto all’interno di un videogioco» ha spiegato nel video la narrative lead Halley Gross. «Non parliamo solo di Ellie, non parliamo solo di Joel: ogni personaggio che incontrerete deve essere sfaccettato.»

The Last of Us – Part II: com’è nato il gioco? Scopriamolo nel nuovo video

Il video prosegue così ad approfondire come si passi dall’idea alla scrittura – non prima di aver definito tutti i beat della storia, come si dice in narrativa – per poi coinvolgere gli attori e dare vita ai protagonisti. In questo caso, si sono riportati in scena sia Ashley Johnson (Ellie) che Troy Baker (Joel), che avevano già presenziato nel primo gioco.

«Credo che l’autenticità sia stato un grande obiettivo un po’ per tutti i dipartimenti» racconta nel video l’art director John Sweeney. «Che si trattasse delle animazioni e di come facciamo il motion capture, o degli effetti e il modo in cui simuliamo i diversi elementi per ottenere l’effetto che volevamo per il gioco. Volevamo che fosse il più realistico possibile, il più credibile possibile, in maniera tale che, mentre giocate, possiate venire pienamente coinvolto e immersi. Non volevamo avere nemmeno un momento legato a un singolo personaggio che non fosse credibile – sia per quanto concerne il punto di vista narrativo, sia per quanto riguarda quello grafico.»

The Last of Us – Part II: com’è nato il gioco? Scopriamolo nel nuovo video

È così che si è arrivati a dettagli che pongono l’accento anche sulle più piccole caratteristiche – come, cita Neil Druckmann, il fatto che si vedano le vene sulla fronte di un personaggio quando magari è molto arrabbiato.

Vi lasciamo al video completo poco sopra nella nostra notizia, mentre vi ricordiamo che The Last of Us – Part II arriverà solo su PS4 il prossimo 19 giugno.

A questo link trovate il primo episodio della serie di video, a questo il secondo. Avete già letto il cast parziale dei doppiatori italiani?

[…]Leggi di più su www.spaziogames.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui