42Guns è la riedizione, riveduta e ampliata, di 21Guns (opera prima di Iacopo Frigerio) ed edito da SpaceOrange42 (ex GGStudio) in collaborazione con Panopticon: uno screen-gdr presentato al mondo durante la fiera di Essen commercializzato in in Italia durante l’ultima edizione di Lucca Comics & Games: un powered by the apocalypse riletto in chiave diceless.

In questo gioco di ruolo sarete chiamati a vestire i panni dei Pistoleri, mistici cavalieri armati di peculiari armi da fuoco, impegnati in una Sacra Cerca che potrebbe salvare tanto il mondo quanto la loro anima…o condannare entrambi.

Caratteristica peculiare di questa collana di gdr, denominata Screenshot, cui fanno anche parte altri nomi noti come Fleshscape Golconda, è un regolamento ridotto all’osso, in grado di stare completamente sulle facciate di quello che, in altri prodotti, sarebbe lo schermo del master.
Insomma, se avete sempre voluto provare a cimentarvi in un gdr, ma a frenarvi è sempre stata la mole dei volumi (alcuni, diciamocelo, veramente spessi) o la necessità di acquistare più manuali, con relativo esborso in denaro, forse questa collana potrebbe essere in grado di cancellare anche queste ultime resistenze.
Di fatto per dare via alle vostre partite avrete bisogno solo dello schermo, di una scheda del Pistolero (presente in due copie ma scaricabile dal sito dell’editore) di matitagomma e qualche token.

42Guns: la recensione del gioco di ruolo - 42Guns

Sorgente: 42Guns: la recensione del gioco di ruolo | Cultura Pop

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui